Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 22/07/2018, 14:51

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Franco Rasetti (1901 - 2001)



nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 8 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 19:35 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Cari amici, sapete che con me dovete avere pazienza (chi ne ha poca, è meglio che non prosegua nella lettura). Vi darò qualche informazione su una persona che considero del tutto eccezionale, ma lo farò seguendo lo strano itinerario che mi ha portato a conoscere la sua storia. Ovviamente ci saranno digressioni.

img198.jpg



Senza dubbio, questo è il punto di partenza. E' la prima di una decina di pagine che costituiscono un articolo comparso nel 1921 sul Bollettino della SEI. Nella prima parte sono riportate alcune interessanti osservazioni su Attelabus nitens (all'epoca ancora Attelabus curculionoides). Gli autori lo hanno trovato numeroso su rigetti di castagno in Valsesia, e ritengono di essere i primi a segnalarlo su questa essenza (dovrei verificare se è vero).
Nei primi anni '80 stavo cominciando ad occuparmi di Attelabidae ed impostavo la relativa bibliografia; le fotocopie di questo articolo erano tra i lavori che avevo ricavato dalla biblioteca che il prof. Osella mi aveva gentilmente messo a disposizione per cominciare i miei studi. Una nota divertente: visto lo strano modo in cui erano riportati gli autori del lavoro, questo era stato da me schedato, nella lista alfabetica per autore, sotto la lettera E; era logico (almeno per me) supporre che il primo autore fosse il Prof. G. Emilio ed il secondo Franco Rasetti. Nessuno dei due mi era noto (e, all'epoca, non esisteva Google). Così rimase schedato per molti anni, e per diverso tempo non me ne interessai più.

[continua. se avete commenti forse è meglio che li inseriate alla fine della storia]

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 19:45 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
In quegli anni cominciavo anche a documentare i comportamenti dei sigarai. Senza aver presente l'articolo in questione, capitò che una delle prime popolazioni che osservai fosse proprio di Attelabus nitens, e proprio su castagno (nei quasi quarant'anni successivi mi è capitato raramente di osservarlo su tale pianta). Con i limitati mezzi che avevo a disposizione, nell'estate del 1984 fotografai, nei dintorni di Levico (TN), una coppia intenta a costruire un barilotto. Abbiate pazienza per la qualità delle immagini: sono diapositive, già non eccerzionali, scansionate dopo tanto tempo; archeologia entomologica.

01.jpg


02.jpg


03.jpg


04.jpg


05.jpg


06.jpg


07.jpg


_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 20:49 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 1968
Nome: Augusto Franzini
Eh, il Prof. Rasetti...hai fatto molto bene a ricordarlo, fra l'altro autore di un meraviglioso trattato (ricchissimo di foto :shock: sue!) sui fiori delle Alpi.
:hi:

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 21:21 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Col passare degli anni poi, anche se non ricordo esattamente quando, sentii più volte parlare di un illustre fisico che si chiamava Rasetti; mi chiesi se per caso fosse lui ad essersi interessato all'Attelabus. Con l'avvento del computer le possibilità di informarsi aumentarono: nella mia bibliografia l'articolo trovò i suoi giusti autori, Giovanni Emilio Rasetti (padre) e Franco Rasetti (figlio). Ma solo alcune settimane fa trovai casualmente il sito dell'Associazione Franco Rasetti, e lì mi si aprirono prospettive molto più ampie. Scrissi subito per informazioni e cominciai a procurarmi le poche biografie uscite negli anni su questo personaggio (un paio devo ancora scovarle).

atomi&farfalle.JPG


Questa è la copertina del fascicolo edito in occasione della mostra in onore di Franco Rasetti, tenuta a Perugia nel 2005, anno mondiale della Fisica.

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 21:52 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
aug ha scritto:
autore di un meraviglioso trattato (ricchissimo di foto :shock: sue!) sui fiori delle Alpi.

ci arriviamo, Augusto

img219.jpg


Questa è l'ottima biografia pubblicata nel 2009 da Claudio Monellini. Costui è la colonna dell'Associazione Rasetti che ricordavo più sopra. Dopo che l'ho contattato, ci siamo scritti ed ho scoperto che non solo ha messo insieme una mostra permanente in un antico palazzo di Pozzuolo Umbro, paese natio dello scienziato, ma conosce le sue vicende umane e scientifiche meglio di chiunque altro. Con estrema cortesia Claudio mi ha invitato a visitare la mostra e i luoghi di origine di Rasetti. Potevo rifiutare io, già autore di diversi pellegrinaggi entomologici?

IMG_20180520_101224---Copia.jpg


_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 30/05/2018, 23:19 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
E dopo tutte queste premesse, è doveroso riportare qualche cenno biografico, anche perchè solo così si possono apprezzare le peculiarità del personaggio. E' ovvio che si tratta di un'estrema sintesi, chi volesse saperne di più può approfondire in una delle biografie citate (e/o visitare la mostra di cui ho riferito).

Partiamo dal padre, il primo autore dell'articolo da cui abbiamo preso le mosse. Giovanni Emilio Rasetti, nato a Firenze nel 1873, si laureò in Agraria a Pisa. Insegnò poi, in varie sedi, agronomia, chimica agraria e zootecnia. Si occupava di entomologia non solo per fini professionali: raccoglieva soprattutto coleotteri e mise insieme una importante collezione. Sposò Adele Galeotti e si trasferì a Pozzuolo, dove la famiglia di lei aveva possedimenti terrieri. Adele era un'ottima pittrice e disegnatrice, allieva di Fattori. Nel 1901 nasce il loro unico figlio, Franco. Il bambino, di intelligenza vivace e precoce, non frequenta le scuole pubbliche, ma viene educato in casa. La madre gli trasmette la capacità di osservare la natura, di disegnare con precisione e rigore; il padre gli insegna la passione per le piante e gli animali. Insieme raccolgono coleotteri e li studiano. Insieme pubblicano diverse note su specie endogee e non solo, spaziando dalla Toscana, dove risiedono, alle Alpi, dove passano le vacanze. Descrivono un nuovo Bythinus e un Duvalius. Franco all'esame di maturità ottiene ottimi voti in tutte le materie, con solo un 7 in fisica. Decide allora di iscriversi a Pisa, per colmare le sue lacune. Inizialmente a Ingegneria, poi, fatta amicizia con un suo coetaneo, Enrico Fermi, a Fisica. Si laurea con lode e, di qui, la sua carriera accademica conosce una serie di successi e di riconoscimenti, che culmineranno, negli anni tra il '27 e il '39, con la costituzione del gruppo dei "ragazzi di via Panisperna". Insieme a Fermi, Pontecorvo, Segrè, Amaldi, portò avanti ricerche di fisica nucleare che proiettarono il gruppo in un posto di rilievo nella comunità scientifica internazionale. Nel 1938, però, la situazione politica italiana e internazionale si fa critica. Vengono emanate le leggi razziali, e Fermi, la cui moglie è di origine ebraica, decide di espatriare. Nell'anno successivo anche Amaldi parte per l'America; Rasetti decide di andare a insegnare in Canada. Prima di partire, pubblica il suo ultimo lavoro entomologico e regala la collezione di coleotteri, ereditata dal padre e poi da lui ampliata, al Museo Civico di Zoologia di Roma, dove si trova tuttora.

img218.jpg


_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 31/05/2018, 7:58 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Tre minuti fa ho trovato questo nella cassetta delle lettere:
img220.jpg



270 pagine, a detta di Claudio Monellini la migliore biografia scritta su Rasetti. Quando l'avrò letto sarò in grado di aggiungere ancora qualcosa.

Intanto proseguiamo. Siamo giunti a un momento cruciale nella vicenda scientifica e umana dello scienziato. Sta per scoppiare la seconda guerra mondiale e negli Stati Uniti si pensa di far fronte alla minaccia di Hitler: tutti i fisici coinvolti nello studio dell'energia nucleare sono richiesti di dare il loro contributo alla costruzione di un'arma risolutiva. Tutti, gli italiani espatriati per primi, si mettono al lavoro. Rasetti scrisse poi:

Nel gennaio del 1943 mi fu offerto di collaborare con un gruppo di scienziati britannici che stava cercando di sviluppare energia nucleare per scopi militari, trasferitisi dall'Inghilterra a Montréal. Dopo una profonda riflessione declinai l'offerta e ci sono poche decisioni nella mia vita per le quali io abbia minori motivi di rimpianto. Ero convinto che nulla di buono sarebbe mai potuto venire da nuovi e più mostruosi mezzi di distruzione, e gli eventi che seguirono confermarono pienamente le mie supposizioni.
...
Tra tutti gli spettacoli disgustosi di questi tempi ce ne sono pochi che eguaglino quello dei fisici che lavorano nei laboratori sotto sorveglianza militare per preparare mezzi più violenti di distruzione per la prossima guerra.

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Franco Rasetti (1901 - 2001)
MessaggioInviato: 31/05/2018, 9:01 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 4707
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Il fragoroso NO di Rasetti portò conseguenze radicali nella sua carriera scientifica. Non conosco altri casi in cui uno scienziato di così alto livello abbia chiuso bruscamente la sua carriera aprendone contemporaneamente un'altra in un ambito del tutto diverso. Rasetti si dedicò allo studio dei fossili canadesi ed in pochissimi anni divenne un'autorità nel quadro della paleontologia internazionale. Pubblicò importanti lavori, fece rilevanti scoperte. Nel '47 si trasferì a Baltimora, dove approfondì le ricerche sul Cambriano e si impegnò in un novo metodo di classificazione dei trilobiti. Nel '52 ricevette la "medaglia Walcott", prestigioso riconoscimento per i suoi studi paleontologici. Nel '67 decise di tornare in Italia e andò ad abitare con la moglie a Roma. Chiunque altro si sarebbe forse sentito soddisfatto per le due brillanti carriere, ma non lui: aprì un terzo fronte, sfruttando la passione per le escursioni in montagna che coltivava fin dalla giovinezza. Si dedicò quindi a schedare i fiori presenti sull'arco alpino oltre i 2000 metri. Compiva lunghissime passeggiate in quota e scattava migliaia di foto, spesso attendendo anche a lungo che la luce solare fosse favorevole agli scatti. Questa solitudine alpestre è forse la sintesi di uno stile di vita e di lavoro che trovò un esito nella pubblicazione del volume a cui accennava Augusto più sopra. "I fiori delle Alpi", pubblicato nel 1980 e giunto alla seconda edizione nel 1996, è un esauriente e documentato compendio della flora alpina ed ebbe un grande successo.
Franco Rasetti si spense nel 2001 a Waremme, in Belgio, dove si era trasferito nel 1977.

_________________



Silvano


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 8 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: