Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 02/12/2020, 17:15

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Carabus (Tomocarabus) convexus convexus Fabricius, 1775 - Carabidae

V.2019 - ITALIA - Calabria - RC, Matiniti


nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2 [ 23 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 26/05/2019, 12:59 
Avatar utente

Iscritto il: 08/05/2010, 22:25
Messaggi: 1366
Località: Milano
Nome: Riccardo Sciaky
eurinomio ha scritto:
scusate se mi inserisco, ma c'è qualcosa che non mi quadra, per le dimensioni (non ho mai visto o sentito di convexus da 3 cm) e l'habitus.
secondo me sarebbe opportuno avere delle immagini migliori, magari con la bestiola egregiamente preparata, e converrebbe estrarla...così ci togliamo tutti i dubbi.
grazie


Interessantissimo! Dai, un bello studio sull'apparato genitale femminile di Carabus convexus in tutto il suo areale sarebbe splendido! :hp: :lol:

Dato che l'esemplare è una femmina questa è l'unica cosa che si può fare. Invece mi associo all'esortazione di Vinicio a riprepararlo e rimisurarlo per precauzione, anche se non vedo molti dubbi possibili sulla sua identità specifica. In alternativa cosa potrebbe essere? Un piccolo C. preslii (o come diavolo si chiama ora) senza fossette elitrali?

_________________
Riccardo


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/05/2019, 1:47 
Avatar utente

Iscritto il: 19/09/2009, 22:25
Messaggi: 5594
Località: Brescia
Nome: Vinicio Salami
Tc70 ha scritto:
L'estrazione con i dubbi sarebbe la cosa più saggia,come lo sarebbe raccogliere qualche esemplare in più,sulle dimensioni rimando unpò a quello che ha detto Maurizio e consiglierei a Aquarius di rimisurare bene l'esemplare,potrebbe risultare una 'forma' particolare calabra...forse la Calabria è una delle regioni meno esplorata a livello entomologico e potrebbe riservare in futuro, con indagini accurate, molte novità.
Quindi forza entomologi calabri. :hi:


:ok: :ok: :ok: :ok:

_________________
ciao, Vinicio


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/05/2019, 20:02 
Avatar utente

Iscritto il: 11/06/2014, 12:12
Messaggi: 668
Località: Calabria
Nome: Ferdinando Giovine
eurinomio ha scritto:
Tc70 ha scritto:
L'estrazione con i dubbi sarebbe la cosa più saggia,come lo sarebbe raccogliere qualche esemplare in più,sulle dimensioni rimando unpò a quello che ha detto Maurizio e consiglierei a Aquarius di rimisurare bene l'esemplare,potrebbe risultare una 'forma' particolare calabra...forse la Calabria è una delle regioni meno esplorata a livello entomologico e potrebbe riservare in futuro, con indagini accurate, molte novità.
Quindi forza entomologi calabri. :hi:


:ok: :ok: :ok: :ok:


L'esemplare misura 26 mm. Quanto ad una sottospecie calabra esiste già convexus paganettii che è stata descritta proprio per l'Aspromonte (S. Eufemia d'Apromonte loc.typ.). La cosa che lo distingue dagli esemplari toscani oltre la dimensione è che ha un'aspetto setoso piuttosto che lucido. Sulle dimensioni non mi soffermeri perchè è un esemplare di bassa quota (circa 300 m) e spesso gli esemplari monticoli dei Carabus sono più piccoli (tra i lefrebvrei di Gambarie (1300 m) e quelli di Matiniti (300 m) di media ci sono 3 mm di differenza)

_________________
Fai attenzione a chi calpesti per salire, potresti incontrarlo mentre scendi. Marcela Jalife


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/05/2019, 20:22 
Avatar utente

Iscritto il: 09/11/2010, 19:52
Messaggi: 4402
Località: Brescia
Nome: Luca Bodei
Acquarius ha scritto:
L'esemplare misura 26 mm. Quanto ad una sottospecie calabra esiste già convexus paganettii che è stata descritta proprio per l'Aspromonte (S. Eufemia d'Apromonte loc.typ.). La cosa che lo distingue dagli esemplari toscani oltre la dimensione è che ha un'aspetto setoso piuttosto che lucido. Sulle dimensioni non mi soffermeri perchè è un esemplare di bassa quota (circa 300 m) e spesso gli esemplari monticoli dei Carabus sono più piccoli (tra i lefrebvrei di Gambarie (1300 m) e quelli di Matiniti (300 m) di media ci sono 3 mm di differenza)


Non sapevo di questa ssp. hai un link o un pdf? :roll: :hi:

_________________
Tc70


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/05/2019, 22:34 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 2330
Località: Garbagnate Milanese
Nome: Augusto Franzini
"le forme paganettii Born e bucciarellii Mandl vanno considerate conformi alla forma tipica e di essa sinonimi; tali nomi designano solo popolazioni locali..." etcetera. (Fauna d'Italia, vol. XVIII, pag. 159).
:hi:

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/05/2019, 23:50 
Avatar utente

Iscritto il: 09/11/2010, 19:52
Messaggi: 4402
Località: Brescia
Nome: Luca Bodei
aug ha scritto:
"le forme paganettii Born e bucciarellii Mandl vanno considerate conformi alla forma tipica e di essa sinonimi; tali nomi designano solo popolazioni locali..." etcetera. (Fauna d'Italia, vol. XVIII, pag. 159).
:hi:



Ed era proprio a questo che pensavo...grazie Augusto. ;)

_________________
Tc70


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/05/2019, 7:05 
Avatar utente

Iscritto il: 11/06/2014, 12:12
Messaggi: 668
Località: Calabria
Nome: Ferdinando Giovine
Il buon Casale le mise in sinonimia perchè, come lui afferma, alcune popolazioni del nord Italia sono variabili e tra le forme ricomprendono anche paganettii il cui tipo è a Zurigo (credo adesso all'ETH). Oggi in tassonomia si ha in approccio diverso, più popolazionistico, perchè in una popolazione potendo essere presenti esemplari con "spot" di una sottospecie diversa per definire la popolazione si guarda alla media delle forme. In pratica se di ha un solo esemplare della località non si può dire nulla, ma se si hanno 100 esemplari della stessa località le differenze dalle altre popolazioni risultano subito evidenti, se esistono. Quanto al valore da dare a queste differenze è un problema ancora aperto perchè a secondo dei casi possono essere gli estremi di un cline, possono essere semplici forme (credo che in entomologia si chiamino natio), possono essere reali sottospecie o in rari casi possono essere distinte due specie diverse (specie gemelle).
Il problema è trovare un centinaio di esemplari misurabili di provenienza aspromontana, una specie che qui sembra molto rara a differenza di altre parti d'Italia

_________________
Fai attenzione a chi calpesti per salire, potresti incontrarlo mentre scendi. Marcela Jalife


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/05/2019, 9:54 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:31
Messaggi: 8993
Località: milano
Nome: maurizio pavesi
Acquarius ha scritto:
... Il problema è trovare un centinaio di esemplari misurabili di provenienza aspromontana, una specie che qui sembra molto rara a differenza di altre parti d'Italia

in realtà ne basterebbero molti meno; ce ne vogliono dei due sessi, sia per valutare eventuali differenze edeagiche, sia per vedere queste dimensioni gigantesche (per la specie) 1) quanto sono costanti 2) se si ritrovano anche nei maschi, o se invece sono esclusive delle femmine (non sarebbe il primo caso)

e inoltre ce ne vorrebbero un po' anche della sila, se rispetto a questi gli exx. dell'aspromonte sono significativamente differenti, la cosa si fa interessante :D

_________________
*****************
Immagine maurizio


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2 [ 23 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: