Benvenuto Ospite

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 08/12/2022, 8:12

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Deltochilum (Calhyboma) elevatum Laporte de Castelnau, 1840 - Scarabaeidae

URUGUAY - EE, Taquerambo ruta 26 km 65


nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 11 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 07/01/2013, 23:20 
 

Iscritto il: 23/06/2010, 22:40
Messaggi: 74
Località: Azzate (VA)
Nome: Paolo Gandini
E' parecchio che non aggiungo nessun insetto nuovo ebbene ecco qui un bel Deltochilum,in questo caso è Uruguayano.
ciao
Paolo


elevatum-copia_modificato-5.jpg

elevatum-(2)copia_modificat.jpg

elevatum-(3)-copia.jpg

Top
profilo
MessaggioInviato: 07/01/2013, 23:23 
Avatar utente

Iscritto il: 04/02/2009, 17:49
Messaggi: 5330
Località: Cagliari
Nome: Daniele Sechi
Bravo Paolo, bello! Continua ti prego.

_________________
:hi:
Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 0:05 
Avatar utente

Iscritto il: 01/07/2010, 22:26
Messaggi: 5334
Località: Viterbo
Nome: Marco Selis
Molto bello!


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 0:25 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31565
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Secondo voi, perchè tra i coprofagi, e frequentatori di sterco in generale, si trovano, nello stesso genere, specie con protorace ed elitre completamente lisce ed altre rugose come questa? Semplice mimetizzazione, adattamento a escrementi con diverse caratteristiche o altro? Succede in parecchi generi diversi, ad esempio Scarabaeus, Gymnopleurus, appunto nei Deltochilum, ecc.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 16:44 
Avatar utente

Iscritto il: 18/09/2010, 17:17
Messaggi: 297
Località: Còrdoba (ARG)
Nome: Giorgio Garzaniti
Julodis ha scritto:
Secondo voi, perchè tra i coprofagi, e frequentatori di sterco in generale, si trovano, nello stesso genere, specie con protorace ed elitre completamente lisce ed altre rugose come questa? Semplice mimetizzazione, adattamento a escrementi con diverse caratteristiche o altro? Succede in parecchi generi diversi, ad esempio Scarabaeus, Gymnopleurus, appunto nei Deltochilum, ecc.

Tempo fa, discutendone con amici, ci è sovvenuto di pensare ad un possibile adattamento finalizzato alla conservazione dell'umidità in ambienti particolarmente xerici...ma è una delle ipotesi...
Paolo, come va la revisione del genere?

_________________
Giorgio Garzaniti


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 17:47 
Avatar utente

Iscritto il: 22/12/2009, 13:31
Messaggi: 9646
Località: Napoli
Nome: Francesco Izzillo
Una possibile spiegazione potrebbe, forse, essere questa: attaccano lo sterco in fasi diverse di essicazione e hanno quindi problemi diversi di penetrabilità nel substrato.

_________________
Francesco Izzillo


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 17:58 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31565
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
f.izzillo ha scritto:
Una possibile spiegazione potrebbe, forse, essere questa: attaccano lo sterco in fasi diverse di essicazione e hanno quindi problemi diversi di penetrabilità nel substrato.

Anche a me era venuto da pensare a qualcosa del genere, per esempio, quelli a tegumenti lisci nello sterco molto fluido e acquoso, con tegumenti rugosi nello sterco più tenace e solido, ma mi piacerebbe sapere se per caso qualcuno ha studiato questo fenomeno.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 23:10 
 

Iscritto il: 23/06/2010, 22:40
Messaggi: 74
Località: Azzate (VA)
Nome: Paolo Gandini
A questa domanda non so rispondere,D.elevatum in particolare è necrofago questo esmplare è stato catturato con una trappola a caduta usando come esca carne in avanzato stato di decomposizione,pero molte sspp. di deltochilum sono predatori,altre copro necrofaghe.
Ciao Giorgio,con la revisione sono in alto mare,ho sempre meno tempo e questa crisi di m... "scusate lo sfogo" mi lascia con ancora meno tempo da dedicare agli insetti.


Top
profilo
MessaggioInviato: 08/01/2013, 23:16 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31565
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Paolo Gandini ha scritto:
molte sspp. di deltochilum sono predatori,

Non sapevo che ci fossero degli Scarabeidi predatori! Lo sono sia allo stato larvale che adulto o solo in uno dei due? Si tratta di comportamenti occasionali o sono veri predatori?

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 09/01/2013, 0:26 
Avatar utente

Iscritto il: 18/09/2010, 17:17
Messaggi: 297
Località: Còrdoba (ARG)
Nome: Giorgio Garzaniti
Julodis ha scritto:
Paolo Gandini ha scritto:
molte sspp. di deltochilum sono predatori,

Non sapevo che ci fossero degli Scarabeidi predatori! Lo sono sia allo stato larvale che adulto o solo in uno dei due? Si tratta di comportamenti occasionali o sono veri predatori?

Per i Deltochilum si tratta di una vera e propria evoluzione. E' assodato che alcune sottospecie predano in particolare Miriapodi vivi. Per quanto riguarda altri Scarabaeidi normalmente considerati copro-necrofagi, nel mio ultimo viaggio in Africa ho potuto verificare de visu come di fronte ad un diplopode i Kepher e gli Anachalcos si battevano per la preda viva.

Paolo, mi dispiace proprio che non ti possa concentrare sullo studio. Non desistere! Poi sono certo che ci vedremo con Carlos per un asado!!!

_________________
Giorgio Garzaniti


Top
profilo
MessaggioInviato: 09/01/2013, 1:15 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31565
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Giorgarz ha scritto:
Poi sono certo che ci vedremo con Carlos per un asado!!!

E mentre vi rifocillate, magari chiedetegli se raccoglie un po' di Buprestidi, che lì ci sono parecchie specie molto interessanti, soprattutto tra le taglie medio-piccole!

Grazie per le informazioni, Giorgio. Mai avrei pensato che da coprofagi potessero effettuare il passaggio verso la predazione. Ma del resto, a pensarci bene, non è così strano. Dalla coprofagia alla necrofagia è un discreto cambiamento, ma comprensibile, e da quest'ultima alla predazione, il passo è breve!
Del resto, dopo aver visto i Platycerus mangiarsi gli afidi, non mi meraviglio più di niente. (per non parlare di quel che fanno le larve di certi xilofagi).

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 11 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: