Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 14/10/2019, 18:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Scarabaeus sacer Linnaeus, 1758 - Scarabaeidae, Scarabaeinae.

18.IV.2017 - ITALIA - Sardegna - VS, Arbus, Dune di Piscinas.


nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 29/11/2017, 23:42 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4921
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Qualche foto in natura di questo grosso coleottero rotolatore, scattata durante l'ultima gita in Sardegna. Gli esemplari sono apparsi verso sera, mentre durante il pomeriggio non ne abbiamo visti. Ho anche potuto vedere una femmina all'opera, durante il sotterramento della pillola di sterco.
aprile e maggio 2016 167.JPG


aprile e maggio 2016 168.JPG



Questo l'ambiente. Pascolo bovino su dune sabbiose stabilizzate.
aprile e maggio 2016 172.JPG



In quel pascolo (frequentato sia da bovini che da cervi) abbiamo trovato anche Ateuchetus semipunctatus, Chelotrupes e Thorectes.

Marco :hi: .

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 19:00 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6249
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
Sicuro che sia il sacer? Per quello che so io è tipico di zone costiere sabbiose. Non potrebbe essere il typhon?

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 19:27 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4921
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Plagionotus ha scritto:
Sicuro che sia il sacer? Per quello che so io è tipico di zone costiere sabbiose. Non potrebbe essere il typhon?


marco villa ha scritto:
Questo l'ambiente. Pascolo bovino su dune sabbiose stabilizzate.


Non l'ho scritto, ma intendo dune marine, non certo dune come quelle del deserto, quindi ci trovavamo vicini alla costa ;) . Eravamo a poche centinaia di metri dal mare.
Marco.

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 19:34 
 

Iscritto il: 23/02/2011, 15:57
Messaggi: 309
Nome: fabrizio fabbriciani
Ciao a tutti.Da quello che si vede dalla prima foto è sicuramente un sacer.Tubercoli cefalici ed aree senza punti sul pronoto ai lati in basso si vedono bene.Il typhon in Sardegna è distribuito nell' interno a quote collinari e montane,anche se in Italia continentale si trova vicino alla costa ed anche nel retroduna. :hi:


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 20:11 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:47
Messaggi: 7151
Località: Cagliari
Nome: Piero Leo
fabry80 ha scritto:
Ciao a tutti.Da quello che si vede dalla prima foto è sicuramente un sacer.Tubercoli cefalici ed aree senza punti sul pronoto ai lati in basso si vedono bene.Il typhon in Sardegna è distribuito nell' interno a quote collinari e montane,anche se in Italia continentale si trova vicino alla costa ed anche nel retroduna. :hi:
Sì, come dice Fabrizio i caratteri evidenziabili nella prima foto non lasciano dubbi sul fatto che si tratti di S. sacer. Per quanto riguarda la distribuzione di sacer e typhon in Sardegna c'è da dire però che le due specie possono convivere nelle zone costiere (mi è capitato di raccoglierle a pochi metri di distanza l'una dall'altra sia nella penisola del Sinis che sulle dune di Buggerru-Portixeddu). Inoltre, benché raramente, S. sacer è rinvenibile anche parecchi km nell'interno: io l'ho raccolto nell'alto Campidano, tra Sardara e Pabillonis, mentre Mariani lo cita di Stagno di Bara (Macomer).
Un'ultima cosa: il genere Scarabaeus, secondo l'attuale ordinamento, non ha sottogeneri (Ateuchetus, Kheper, Escarabaeus, ecc., sono ora generi indipendenti); di conseguenza sarà meglio rinominare Scarabaeus sacer Linnaeus, 1758.

:) Ciao
Piero


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 21:48 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6249
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
:ok: hai ragione avevi scritto che l'habitat era costituito da dune sabbiose, ma vedendo le colline sullo sfondo mi sembrava fossi in un altopiano :gh: :gh:

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 21:49 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 2136
Località: Garbagnate Milanese
Nome: Augusto Franzini
Una curiosità: l'Ateuchetus semipunctatus si trova anche in Sardegna?
:hi:

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 22:21 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4921
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Tenebrio ha scritto:
fabry80 ha scritto:
Ciao a tutti.Da quello che si vede dalla prima foto è sicuramente un sacer.Tubercoli cefalici ed aree senza punti sul pronoto ai lati in basso si vedono bene.Il typhon in Sardegna è distribuito nell' interno a quote collinari e montane,anche se in Italia continentale si trova vicino alla costa ed anche nel retroduna. :hi:
Sì, come dice Fabrizio i caratteri evidenziabili nella prima foto non lasciano dubbi sul fatto che si tratti di S. sacer. Per quanto riguarda la distribuzione di sacer e typhon in Sardegna c'è da dire però che le due specie possono convivere nelle zone costiere (mi è capitato di raccoglierle a pochi metri di distanza l'una dall'altra sia nella penisola del Sinis che sulle dune di Buggerru-Portixeddu). Inoltre, benché raramente, S. sacer è rinvenibile anche parecchi km nell'interno: io l'ho raccolto nell'alto Campidano, tra Sardara e Pabillonis, mentre Mariani lo cita di Stagno di Bara (Macomer).
Un'ultima cosa: il genere Scarabaeus, secondo l'attuale ordinamento, non ha sottogeneri (Ateuchetus, Kheper, Escarabaeus, ecc., sono ora generi indipendenti); di conseguenza sarà meglio rinominare Scarabaeus sacer Linnaeus, 1758.

:) Ciao
Piero


Grazie Piero. Hai ragione, ho fatto copia-incolla da una discussione del forum mentre avrei dovuto controllare il lavoro di Ziani. Ora ho corretto :ok: .

Plagionotus ha scritto:
:ok: hai ragione avevi scritto che l'habitat era costituito da dune sabbiose, ma vedendo le colline sullo sfondo mi sembrava fossi in un altopiano :gh: :gh:


In effetti le dune sembrano poggiare su di una impalcatura di roccia madre che si vede emergere in più punti, ma il pascolo si trovava su terreno sabbioso, poco dietro alle dune "vive", ma in posizione riparata, motivo per il quale si erano stabilizzate.

Comunque sia le dune di Piscinas sono una zona spettacolare. La cosa che più colpisce è la differenza nel tipo di ambienti nel raggio di pochi metri.
Per esempio, ci sono questi bei boschetti igrofili di ontani, formati per l'impaludamento del rio Naracauli.
aprile e maggio 2016 178.JPG


aprile e maggio 2016 177.JPG


(le foto sono penose, ma ero in ombra e stava per tramontare il sole).

Ma basta fare pochi metri per incontrare un paesaggio ben diverso.
Si noti la persona inerpicata sulla parete sabbiosa, a testimonianza della mole della duna.
aprile e maggio 2016 180.JPG


aprile e maggio 2016 181.JPG



Qualcuno sa il motivo per il quale localmente si hanno dune così alte? Immagino sia dovuto al vento particolarmente forte, unito forse alla particolare conformazione delle rocce su cui poggia il sistema dunale.

Marco :hi: .

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/11/2017, 22:30 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4921
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
aug ha scritto:
Una curiosità: l'Ateuchetus semipunctatus si trova anche in Sardegna?
:hi:


marco villa ha scritto:
In quel pascolo (frequentato sia da bovini che da cervi) abbiamo trovato anche Ateuchetus semipunctatus, Chelotrupes e Thorectes.


;) . Il CKMap lo riporta di varie località, soprattutto lungo la costa occidentale (ma anche della provincia di Sassari e Cagliari). Inoltre, sempre su CKMap c'è una isolata stazione interna a Macomer (NU), 500 metri di quota.
Marco :hi: .

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
MessaggioInviato: 01/12/2017, 8:42 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31249
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
E pensare che una volta c'era una simile varietà d'ambienti pure in certe zone della costa laziale, di cui ora resta solo qualche misero frammento.

marco villa ha scritto:
Qualcuno sa il motivo per il quale localmente si hanno dune così alte? Immagino sia dovuto al vento particolarmente forte, unito forse alla particolare conformazione delle rocce su cui poggia il sistema dunale.
Te lo spiego più tardi. Ora devo andare a scuola a fare più o meno la stessa cosa. :hi:

Bei posti, comunque. Sembra quasi di essere in Nord Africa.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: