Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 25/02/2021, 2:10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Ernst Junger, Cacce sottili



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Pagina 2 di 4 [ 59 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 16/05/2010, 19:03 
 

Iscritto il: 26/01/2010, 17:33
Messaggi: 147
Località: Bologna
Nome: Alfonso Iorio
aug ha scritto:
Non ho Skype, e poi con l'informatica sono negato :no1: ... Ho fatto una prova riducendo la dimensione delle pagine di un capitolo. Provo ad inserire questo file: se riesco :roll: e se vi sembra un lavoro utile, posso fare anche gli altri.
Spero di non commettere un reato di violazione copyright!



Caro Augusto,

Mario Sturani è morto nel 1978. I diritti d'autore cessano 70 anni dopo la morte dell'autore.

_________________
Alfonso Iorio
http://www.natura-edizioni.it


"L'uomo nella sua arroganza, si considera una grande opera, degna dell'intervento della divinità. Più umile e più verosimile è ritenerlo creato dagli animali" Charles Darwin


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 03/01/2011, 19:46 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 5737
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
chaetonyx ha scritto:
Se qualcuno è interessato ad approfondire gli aspetti entomologici dell'attività di Juenger, mi pare che sul sito di Lambillionea si trovino in vendita un paio di testi sull'argomento (in francese).
img006.jpg


Riapro questa discussione, visto che nel frattempo mi sono procurato i testi suggeriti da Alberto. Per ora li ho solo sfogliati, più in là magari ve ne scriverò qualcosa.

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 03/01/2011, 19:48 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 5737
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Questo è il secondo:
img008.jpg


_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 03/01/2011, 19:49 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 5737
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
E questo è il terzo (e ultimo):
img007.jpg



:hi:

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 19/10/2012, 0:58 
Avatar utente

Iscritto il: 31/12/2009, 1:47
Messaggi: 636
Località: Bellano (LC)
Nome: Martino Salvetti
Magari può interessare questo video




Confermo che il libro in questione è un capolavoro, l'ho letto almeno cinque volte dopo la segnalazione di Silvano Biondi (che ringrazio calorosamente.) E' sicuramente uno dei libri più belli che abbia mai letto. :birra: :lov2:


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 16/11/2012, 16:33 
Avatar utente

Iscritto il: 08/02/2010, 23:01
Messaggi: 5737
Località: Vicenza
Nome: Silvano Biondi
Riprendo questa vecchia discussione perchè stamattina mi è stato consegnato il dvd su cui è stata riversata una lunga intervista con lo scrittore. L'amico Filippo Buzzetti molti anni fa mi aveva passato una videocassetta con l'intervista, ma non l'avevo vista. Solo in questi giorni mi sono fatto trasferire il tutto su dvd, e stamattina me la sono vista. Si tratta di più di un'ora di immagini, che alternano colloqui con Junger a rievocazioni della sua vita e delle sue opere. I riferimenti all'entomologia sono consistenti, ma non preponderanti. Notevole una ripresa dell'anziano scrittore che si aggira per i tavoli della mostra scambio di Basilea, esaminando il contenuto delle scatole esposte.
Il documentario, girato in tedesco in origine, era stato ripreso, sottotitolato e trasmesso dalla RAI verso la fine degli anni novanta.

:hi:

_________________



Silvano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 10/10/2019, 23:40 
Avatar utente

Iscritto il: 08/11/2018, 0:02
Messaggi: 131
Località: Firenze
Nome: Tommaso Lisa
Ringraziandovi per le molte informazioni bio-bibliografiche reperite in questo post v'informo anche che sto analizzando criticamente tutta l'opera di Junger con l'intento di estrapolare da ciascun libro - non solo da Cacce sottili - i riferimenti specifici ai Coleotteri. L'obiettivo è analizzare da una parte lo stile della scrittura e la filosofia, dall'altra le specie passate in rassegna. Ho reperito un paio d'altre edizioni critiche francesi (Jean-Michel Palmier, Ernst Junger, Reveries sur un chasseur de cicindeles, Hachette, 1995). Mi concentro prevalentemente sulle Cicindele (tra l'altro sono state la passione della mia adolescenza) comparando anche con altri autori (Sturani, appunto, ma anche Gozzano in merito alle Ornithoptere). Analoga cosa sto tentando con Hermann Hesse e Vladimir Nabokov. Chi volesse contattarmi (Silvano?) per qualche consiglio possiamo sentirci molto volentieri anche via telefono (3487662052). A presto!

_________________
Tommaso Lisa

"La realtà non è direttamente sé stessa, essa si presenta attraverso la sua incompleta o fallita simbolizzazione."
Slavoj Žižek


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 11/10/2019, 22:45 
Avatar utente

Iscritto il: 13/10/2010, 18:21
Messaggi: 1349
Nome: Andrea Liberto
Gentili signore e signori,

sono qui a proporvi un divertissement buono per grandi e piccini, che credo possa arricchire il forum e dare origine ad una sezione, parzialmente nuova, che potrebbe intitolarsi “Insetti e Letteratura”.

Tutti leggiamo, e certo non solo di entomologia. Giornali, letteratura in senso latissimo, magari ci capita di leggere reportage di buone penne, che so, un Paolo Rumiz ad esempio. Oppure ascoltiamo canzoni di buon artigianato.

Del resto, i grandi o piccoli resoconti di viaggio, dall’ottocento fino ai cinquanta-sessanta dello scorso secolo, non erano forse letteratura ? Brullé, Wollaston sono quelli che conosco. La parola a coloro che ne conoscono altri, e meglio di me. Poi l’affabulazione si è persa, e va anche bene. Ma si dìa un’occhiata a Roberto Poggi con i suoi entomologi liguri, e le loro scritture da lui sommarizzate e riepilogate nel bel libro che dovreste già conoscere.. Ah, i liguri, gentaccia brusca ma giusta, esatta, irriducibile, vocata al mare verso est od ovest, indifferentemente.
Ah, i nostri impiegati postali capitolini “gran camminatori” (Gobbi, su Luigioni), che infine ci hanno consegnato un’opera letteraria di ….cento pagine: i Coleotteri d’Italia.


Comunque sia, negli scritti di oggi, da qualche parte, un Insetto farà pur capolino, spuntando con le antenne e gli occhi composti attraverso un varco nel solido diaframma che nella vita di tutti i giorni ci separa. Naturalmente, ogni volta che incontriamo un passo in cui vengano citati Insetti, a proposito o a sproposito, con esiti “letterari” o addirittura poetici più o meno felici, tendiamo a ricordarcene.


------------------------------------------------------

Perché dunque non raccogliere pian piano un corpo di citazioni che possa poi, un giorno, servire a chi con autorevolezza volesse dar conto del rapporto che abbiamo con questi animali, utilizzando la letteratura come sede non necessariamente alternativa alla scienza, ma magari ad essa complice, parallela, affiancata, per indagare la faccenda ?

Costui si troverebbe il lavoro quasi già fatto grazie a noi, un gran cu..bo. Quadrato, solido, tetragono, ecc.

Un lavoro come il viaggio di Franco Tassi in Grecia e Turchia, non era forse “letteratura” di viaggio, piegata e ritorta e ridotta alle esigenze entomologiche ?

Niente di nuovo, in realtà, se non forse l’idea che tale “raccolta” possa essere fatta con sistematicità ed avvalersi del contributo di tutti noi “lettori”, formando infine un corpo di citazioni vasto e ricco.

Vado ora a dimostrare come non si tratti affatto di idea nuova, se non forse nei termini in cui sto tentando di formularla e proporla.

1) Immagino si debba a Marzio Zapparoli, curatore del volume, la citazione di Italo Calvino a pagina 17 del libro “Gli Insetti di Roma”, che certamente conoscete. Vi si narra di un Marcovaldo il cui sguardo, della città, tutto eliminava per potersi concentrare sui pochi resti di natura rintracciabili. Vi si parla fuggevolmente solo di un tafano e di tarli, ma pure di foglie gialle, buccia di fico a terra, e di tutte le insegne luminose, manifesti e semafori che in quello sguardo proprio non riuscivano a entrare e permanere. Noi siamo tutti “Marcovaldi”, e la citazione è quanto mai azzeccata (si noti la sponda agli appassionati di Acari…) in un libro che si occupa di entomologia urbana (si noti la sponda agli appassionati di Acari e possessori di un cane).

2) Franco Tassi, in un delizioso libretto dal titolo “Fratello Insetto” (rima involontaria, ma si sa, la poesia colpisce senza avvertire…), raccoglie citazioni varie, alcune imperdibili.

3) Altri autori, per introdurre un lavoro (ma ormai non si usa quasi più, gran peccato), hanno fatto spesso ricorso a brevi, adatte citazioni tratte dalla letteratura classica: Svata Bilý, in un lavoro sulle Melanthaxia, usa un perfetto, appropriatissimo frammento del Cantico: “Nigra sum, sed formosa”.

4) Antonio Machado, per la sua monografia sui Carabidae canarî, recuperò il Darwin più “goliardico” ed entomologico. Cito a memoria, non mi va di ripescarlo dallo scaffale:
“When I hear of the capture of a rare beetle, I feel like an old warhorse at the sound of a trumpet”.

5) Le lettere (intese come opera letteraria) di Piero Cosimi, la sua riflessione sui nostri luoghi e vizi di entomologi, che prima o poi andrà proposta ad un pubblico più vasto di noi amici che ricevevamo dalle sue mani (con dedica) i suoi testi “autopubblicati”, per lo più ciclostilati. Ah, ma li conserviamo, così come conserviamo il ricordo della cena in cui ci mise in mano il libro, fumando come un diavolo.

6) Gli impagabili proverbi entomologici di Franco Marozzini (cui ad esempio si deve il primo reperto certo di Kisanthobia ariasi, un raccoglitore senza pari negli anni in cui operava), proverbi di grande sagacia e spirito dissacratore, che a Roma permeano la nostra “storia entomologica” (lui senz’altro ci metterebbe le virgolette). Se mi autorizza, nei prossimi giorni ve li propongo, credo si tratti davvero di letteratura, magari “popolare”. Credo sia un accrescitivo.

In tutte queste citazioni ci riconosciamo senza sforzo, quasi vorremmo non fossero già state utilizzate per usarle noi. Pensate a Piero Leo che descrive una nuova – che so? Tentyria ? – e non può adoperare il “Nigra sum, sed formosa”.

Ecco, magari accrescendo il bagaglio di citazioni, riusciremo a scovare quella mai utilizzata finora, e divertirci e deliziare i colleghi, come fanno ad esempio i nomi che sceglie Enzo Colonnelli per i suoi Ceutorinchi, che spesso sono proprio un esercizio letterario (leggere i suoi lavori per credere).

Detto per inciso, ne ho le sfere piene di specie dedicate a tizio e a caio, la cosa andrebbe proibita. I nomi degli animali dovrebbero essere legati alle loro proprietà, non a coloro che li hanno raccolti o allo specialista che si vuole omaggiare (ma naturalmente, si tratta di una delle tante idee bislacche che coltivo, visto che ogni giorno escono cose tipo Pizzipallicchius pizzipallicchii). Ributtante, soprattutto se si pensa che per l’attribuzione di nomi così brutti la gente si scanna (…sotto sotto. Già, proprio “sotto”).

D’altra parte io stesso, con Maurizio Gigli, ho firmato una “Paratassa ringenbachi”, e me ne vergogno enormemente. Sembrava, quella volta, che non si potesse fare altrimenti. Invece “Orarabion dominici” mi pesa meno, forse per i sentimenti fraterni che mi legano a Domenico (Gianasso).

Ma se la smettessimo tutti, ci sarebbe solo da guadagnare. Nell’eleganza dei nomi, prima di tutto. Descriviamo ? Vabbene, ma non creiamo “mostri” con nomi assurdi. “Libertoi”? Ma c’è al mondo qualcosa di più orrendo? Vi ci vuole molto per chiamarlo in un altro modo ?

Fattivi partecipi di queste rivoluzionarie idee (vietate ai minori di XXXXX anni), mi chiedo se ci siano problemi di diritto d’autore per la riproduzione dei brani che dovessero interessarci. Non credo, ed espongo le ragioni per cui non lo credo:

Intanto si tratta di riprodurre un brano, non l’intera opera che è giustamente protetta. Si tratta, appunto, di una citazione (se ne fanno abitualmente sui giornali, o sui settimanali, in ambito politico, culturale, di critica letteraria, ecc.). Se l’uso della citazione fosse così severamente disciplinato, i giornali semplicemente non potrebbero uscire dalle tipografie.

La citazione che faremo, e che (dovesse mai avvenire) raccoglieremo sul sito in una apposita “tasca”, dovrà comprendere anche un riferimento alla pubblicazione su carta da cui è tratta. Ciò mi sembra escluda necessariamente sospetto di piraterie e scippi di idee. Dopo aver trascritto una cosa su un forum che non ha scopi di lucro, facendola seguire da autore, anno, curatore, editore, anno di pubblicazione ecc., non vedo davvero che problema ci sia.

Naturalmente, essendo in Italia che la cosa dovrebbe aver luogo, tutto potrebbe risolversi in una catastrofe. Causa degli editori ai nostri danni, editti, consorterie di avvocati, giudici aterosclerotici che non capiscono chi sia il nemico, fuoco amico, eruzione vulcanica, trasgressione marina come nel Pliocene, crisi marina come nel Messiniano. Il Codacons, che non ne perde una (ha accusato Tex Willer di fumare...). Il Vaticano.

E perché non un terremoto di serie B come gli ultimi in Toscana e Calabria ? Tutto va bene, per rompere il mazzo di carte e impedire il gioco, ché di gioco si tratta.

Infine, potremmo finalmente ridurci tutti sul lastrico estenuandoci in cause legali.

Ho un paio di frammenti letterari di sicuro interesse. Flaiano (serio), Campanile (faceto). Auguroni a tutti, aspetto il responso legale per piazzare i miei primi due colpi, sperando che qualcuno mi segua. E se no, pazienza. A.


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 01/11/2019, 23:24 
Avatar utente

Iscritto il: 13/10/2010, 18:21
Messaggi: 1349
Nome: Andrea Liberto
Il frammento "serio". Vediamo se suscito una qualche reazione (immagino di no).

"Il calabrone entra nella stanza illuminata, va a battere velocemente contro la lampada, le pareti, i mobili.
Rumore secco delle sue zuccate. Dopo un po' si acquatta per riprendere le forze. Ricomincia contro la lampada, le pareti, i vetri, e daccapo contro la lampada.
Infine cade sul tavolo, zampe all'aria, la mattina dopo è secco, leggero, morto. Non ha capito niente, ma non si può dire che non abbia tentato."


Seguirà citazione completa. A.


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 02/11/2019, 0:59 
Avatar utente

Iscritto il: 08/11/2018, 0:02
Messaggi: 131
Località: Firenze
Nome: Tommaso Lisa
Ennio Flaiano, tratto dal "Diario degli Errori" (credo, cito a memoria in una sera di grande stanchezza...)

_________________
Tommaso Lisa

"La realtà non è direttamente sé stessa, essa si presenta attraverso la sua incompleta o fallita simbolizzazione."
Slavoj Žižek


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 02/11/2019, 11:52 
Avatar utente

Iscritto il: 08/05/2010, 22:25
Messaggi: 1389
Località: Milano
Nome: Riccardo Sciaky
A proposito di "curiosi" nuovi nomi specifici, vi voglio raccontare questo fatterello che mi è accaduto recentemente: ricevo in qualità di referee un articolo su alcuni Carabidae di Taiwan, che comprende la descrizione di alcune specie nuove (alcune un po' inventate, a mio parere) da parte di due autori, uno americano e uno taiwanese. Noto subito una descrizione che presenta una "derivatio nominis" un po' curiosa:

"Catascopus viridiorchis. Specific epiphet. From Latin viridi, in reference to the green dorsal coloration and orchis, which refers to the type locality, Orchid Island (Lanyu), Taiwan." :roll:

Io nella mia relazione faccio presente che viridiorchis in latino non significa, o per lo meno non significa solo, quello che loro sostengono, ma più facilmente verrebbe inteso come "dalle palle verdi". :lol: :lol: :lol: :lol:

Niente, l'hanno pubblicato così... :?

_________________
Riccardo


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 03/11/2019, 12:51 
Avatar utente

Iscritto il: 13/10/2010, 18:21
Messaggi: 1349
Nome: Andrea Liberto
E pure questa è letteratura. Esilarante.

Balle rampicanti e verdigne….Davvero buffo. E chi le impollina ?

:birra: A.


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 03/11/2019, 17:36 
Avatar utente

Iscritto il: 19/09/2009, 22:25
Messaggi: 5671
Località: Brescia
Nome: Vinicio Salami
ricdoc57 ha scritto:
...Io nella mia relazione faccio presente che viridiorchis in latino non significa, o per lo meno non significa solo, quello che loro sostengono, ma più facilmente verrebbe inteso come "dalle palle verdi". :lol: :lol: :lol: :lol:

Niente, l'hanno pubblicato così... :?


:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

_________________
ciao, Vinicio


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 04/11/2019, 14:11 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 2344
Località: Garbagnate Milanese
Nome: Augusto Franzini
Cita:
Niente, l'hanno pubblicato così...

Riccardo, non ti crucciare: non c'è peggior sordo di chi :no1: :no1: :no1: non vuol sentire. D'altra parte, le Orchidee non si chiamano così :D per via della singolare, bisferica forma delle loro radici?

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: Ernst Junger, Cacce sottili
MessaggioInviato: 06/11/2019, 0:51 
Avatar utente

Iscritto il: 13/10/2010, 18:21
Messaggi: 1349
Nome: Andrea Liberto
Cita:
la collezione vista come rete di nomi e di oggetti, che permette alla nostra memoria capacità altrimenti non spiegabili, come ricordare (evocare?) l'esatta situazione nella quale decine di anni fa abbiamo raccolto un certo esemplare. La collezione quindi come meraviglioso puntello per la propria biografia ed i propri ricordi. A voi non è mai capitato di andare a verificare la data su un cartellino per sapere in che anno è successo un certo fatto, o avete fatto un viaggio, o vista una persona?


Vero - verissimo, lo faccio abitualmente. Consulto pure i taccuini di caccia, di cui sono un maniacale redattore, ma l'ultima "parola", la cerco nelle etichette delle bestie in collezione. Perché se ho sbagliato quelle, allora "meglio buttasse ggiù da ponte". Davvero, se sbagli le etichette, è ora di ritirarsi.

Non sono ancora riuscito a procurarmi una copia del libro, ma persevero. Nel senso che ci riproverò una-due volte al mese, quando avrò tempo per andare a rompere le scatole ai commessi di libreria. Finora ho cercato altro, ma giuro che lo troverò.

Comunque questo post comincia ed errare come un pastore nell'Asia, mi sembra. Non me ne lamento di certo, mi considero un campione dell'andare fuori bersaglio, delle chiacchiere vaghe. E se non un campione, almeno un eminente esponente. E pare niente.

Ad ogni modo: da Jungher a Flaiano, terreno piano.

Letteratura, pur volendo ignorare la mia proposta ( che peraltro non è particolarmente originale né necessaria) . Nomi strani ? Bestie "coglionesche" ? Divertentissimo. Ma siamo fuori tema. La domanda: ce ne frega qualcosa ?

Eccetera. Diamoci un bersaglio, giusto per .... A.


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Pagina 2 di 4 [ 59 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: