Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 05/04/2020, 16:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

A Crisidi nella Scialenga (Siena).



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Pagina 2 di 3 [ 42 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 14/07/2012, 3:04 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4182
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Per Cosmin: allora dovrò cotinuare a provare con la caccia a vista... Magari un tentativo coi piattini lo faccio lo stesso, per vedere cosa ci finisce (magari qualche buprestide; è ormai più di un mese che non ne trovo più di nessuna specie, a parte i Corebs rubi :sick:).
Per Andrea: grazie dei chiarimenti; appena riesco provo sicuramente anche questo metodo :ok:

Grazie ad entrambi, :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/07/2012, 6:36 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31338
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Daniele Maccapani ha scritto:
Per Cosmin: allora dovrò cotinuare a provare con la caccia a vista... Magari un tentativo coi piattini lo faccio lo stesso, per vedere cosa ci finisce (magari qualche buprestide; è ormai più di un mese che non ne trovo più di nessuna specie, a parte i Corebs rubi :sick:).

Gli Stenopterus ogni tanto in trappola ci finiscono. Me ne trovo talvolta qualcuno nei piattini gialli che uso per i Buprestidi. I Chlorophorus ci capitano molto meno, probabilmente ci cascano casualmente.

Strano che tu non trovi Buprestidae da più di un mese. In questo periodo stanno praticamente ovunque. Ieri ho visto delle Anthaxia umbellatarum perfino sui fiori di ombrellifere che spuntavano da una recinzione di un palazzo lungo Via Nomentana, dentro Roma (una strada trafficatissima dove le uniche cose che abbondano sono le macchine parcheggiate pure sui marciapiedi, il rumore e i gas di scarico).

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/07/2012, 11:43 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4182
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Julodis ha scritto:
Strano che tu non trovi Buprestidae da più di un mese.

Sembra strano anche a me... In realtà ogni tanto trovo anche qualche piccolo Agrilus (credo) sulle foglie di rovo, assieme ai Coraebus (che invece sono ancora abbastanza comuni), ma sempre meno. Quello che intendevo è che è da oltre un mese che non trovo nessuna specie "nuova"; in particolare di Anthaxia non ne vedo da diversi mesi, più o meno da quando sono sfioriti i biancospini... Ma immagino dipenda dalla mia poca esperienza :oops:
:hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/07/2012, 23:10 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31338
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Daniele Maccapani ha scritto:
Julodis ha scritto:
Strano che tu non trovi Buprestidae da più di un mese.

Sembra strano anche a me... In realtà ogni tanto trovo anche qualche piccolo Agrilus (credo) sulle foglie di rovo, assieme ai Coraebus (che invece sono ancora abbastanza comuni), ma sempre meno. Quello che intendevo è che è da oltre un mese che non trovo nessuna specie "nuova"; in particolare di Anthaxia non ne vedo da diversi mesi, più o meno da quando sono sfioriti i biancospini... Ma immagino dipenda dalla mia poca esperienza :oops:
:hi:

Non ti devi meravigliare. I Buprestidi sono insetti che, se cerchi un po' di tutto, dalle nostre parti ne trovi quasi sempre pochi. ma se inizi a fare ricerche specializzate e cominci a capire come vivono, allora ne trovi facilmente. Da aprile ad agosto, salvo quando vado a fare qualche caccia particolare, come ricerche notturne o vaglio del terriccio, io trovo più Buprestidi che qualsiasi altro gruppo di Coleotteri.
Ad esempio oggi in giro ho visto, approssimativamente:
12 specie di Buprestidae
3 di cerambycidae
2 di Oedemeridae
3-4 di Mordellidae
1 Melolonthidae
1 Meloidae
2 Cleridae
5-6 Chrysomelidae
5 Curculionidae
e poche specie di altre famiglie

Ovviamente molto dipende dai posti che si scelgono.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 15/07/2012, 4:33 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4182
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Julodis ha scritto:
Ad esempio oggi in giro ho visto, approssimativamente:
12 specie di Buprestidae

Circa il doppio di quelle che ho in collezione :lol:
Sicuramente come dici tu dipende dalla mia scarsa conoscenza di questi insetti... ne ho ho ancora di cose da imparare :sick:! (ma d'altra parte, se non fosse così che gusto ci sarebbe ad andare avanti con questa passione :to:?)
Grazie ancora delle risposte, :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 15/07/2012, 9:41 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31338
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Daniele Maccapani ha scritto:
(ma d'altra parte, se non fosse così che gusto ci sarebbe ad andare avanti con questa passione :to:?)
Grazie ancora delle risposte, :hi:

Giustissimo!
Comunque, come ti dicevo, molto dipende dal tipo di ambiente in cui cerchi. Per esempio, qui nel Lazio, il massimo numero di specie lo si trova in zone di pianura, spesso proprio lungo la costa, o di collina - bassa montagna, sui versanti meridionali o occidentali, in ambienti caldi, assolati e spesso xerici, di boscaglia bassa e rada, macchia mediterranea, e simili. Man mano che si sale di quota il numero di specie di Buprestidi tende a diminuire, anche se alcune arrivano a quote considerevoli, fino ad annullarsi oltre il limite della faggeta (nelle praterie cacuminali, se per caso se ne trova qualcuno è di solito qualche esemplare che ci è stato portato dal vento, almeno da noi). Unica eccezione, se vi sono conifere. In quel caso c'è un aumento del numero di specie dovuto a quelle legate a queste essenze.
In linea di massima gli ambienti migliori sono aree parzialmente boscate con prevalenza di querce, aceri, rosacee varie tra le piante arboree, e vegetazione erbacea ed arbustiva varia.
Ambienti buoni sono pure le vecchie pioppete con alberi un po' malandati, limitatamente alle specie legate a questa pianta (Dicerca, Eurythyrea, Poecilonota, Trachypteris). Gli Agrilus poi, si possono trovare quasi ovunque. Anche in aree palustri o ambienti steppici si trovano alcune specie di Buprestidi come Aphanistichus, Trachys, Cylindromorphus , ma generalmente falciando (a vista sono difficili da individuare, eccetto qualche Trachys).

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 18/07/2012, 10:02 
Avatar utente

Iscritto il: 21/02/2011, 15:25
Messaggi: 3721
Località: Montecchio Emilia (RE)
Nome: Violi Michele
Ieri sono andato al Parco Pozzi, e ho spruzzato della mielata (miele, acqua e zucchero) su alcuni prugnoli e ligustri spontanei, in un posto assolato, dove, nelle immediate vicinanze, ho preso molti crisidi con piattini gialli. Ho aspettato 20-30 minuti ma niente, sono arrivate solo poche api mellifere e qualche Ichneumonide, ma di un criside nemmeno l'ombra. Così, visto anche il caldo infernale sono tornato a casa :devil: :x :devil:
Cosa ho sbagliato? Forse la soluzione non andava bene?

_________________
Michele :D


Top
profilo
MessaggioInviato: 18/07/2012, 18:48 
Avatar utente

Iscritto il: 18/02/2009, 0:24
Messaggi: 3807
Località: Asciano (Siena)
Nome: Andrea Petrioli
Mikiphasmide ha scritto:
Ieri sono andato al Parco Pozzi, e ho spruzzato della mielata (miele, acqua e zucchero) su alcuni prugnoli e ligustri spontanei, in un posto assolato, dove, nelle immediate vicinanze, ho preso molti crisidi con piattini gialli. Ho aspettato 20-30 minuti ma niente, sono arrivate solo poche api mellifere e qualche Ichneumonide, ma di un criside nemmeno l'ombra. Così, visto anche il caldo infernale sono tornato a casa :devil: :x :devil:
Cosa ho sbagliato? Forse la soluzione non andava bene?



Ciao Michele,

ho aspettato a risponderti perché volevo verificare la situazione qua ad Asciano.
Oggi, una giornata ideale dal punto di vista meteo (caldo ma non eccessivo, pieno sole e leggera brezza), sono stato dalle 13.30 alle 15.30 alla "mia" siepe.
I risultati sono stati quantitativamente buoni ma qualitativamente molto meno apprezzabili rispetto ad un mese fa.
Ecco cosa ho raccolto:

Chrysis grohmanni krkiana Linsenmaier, 1959 32 esemplari
Chrysis splendidula Rossi, 1790 9 esemplari
Chrysis auriceps Mader, 1936 2 esemplari
Chrysis gr. viridula 4 esemplari
Chrysis sexdentata Christ, 1791 1 esemplare
Chrysis scutellaris Fabricius, 1794 1 esemplare
Chrysis gr insperata 1 esemplare
Chrysis ragusae De Stefani, 1888 1 esemplare
Hedychridium roseum (Rossi, 1790) 1 esemplare
Hedychridium jucundum Mocsáry, 1889 1 esemplare

Fortunatamente ho anche raccolto una Chrysis che non possiedo e che, al momento, non ho idea di cosa sia :D


Rispetto alla tua mielata, io metto anche una parte alcolica (maraschino o altro aroma). A dire il vero però, la mielata artificiale non funziona sempre e ovunque bene; è necessario trovare la pianta giusta, magari già attaccata da afidi (perciò con mielata naturale).
Io ho un po' aggirato l'ostacolo usando espedienti da "pescatore"; cioè, in previsione dell'uscita, questa mattina (verso le 11.30) ho spruzzato circa 300 ml di mielata dove dopo due ore sono andato a cercare crisidi..... :D

_________________
:hi:
______
Andrea


Top
profilo
MessaggioInviato: 18/07/2012, 19:17 
Avatar utente

Iscritto il: 21/02/2011, 15:25
Messaggi: 3721
Località: Montecchio Emilia (RE)
Nome: Violi Michele
Grazie per i consigli. Per la parte alcolica potrei metterci alcool puro oppure nocino, sassolino, cognac o liquore ai mirtilli? Ma non hai paura che stando al sole delle ore, la mielata (o comunque la parte liquida della mielata) evapori?
Al massimo, se non trovo niente, vorrà dire che mi terrai tu qualche esemplare :gh:

_________________
Michele :D


Top
profilo
MessaggioInviato: 18/07/2012, 20:59 
Avatar utente

Iscritto il: 18/02/2009, 0:24
Messaggi: 3807
Località: Asciano (Siena)
Nome: Andrea Petrioli
Mikiphasmide ha scritto:
Grazie per i consigli. Per la parte alcolica potrei metterci alcool puro oppure nocino, sassolino, cognac o liquore ai mirtilli?


Io credo che un "qualcosa" di aromatizzato sia meglio......

Cita:
Ma non hai paura che stando al sole delle ore, la mielata (o comunque la parte liquida della mielata) evapori?


Certo che evapora, ma la parte zuccherina rimane; basta effettuare qualche nuova spruzzata e le bestiole arrivano :D :D :D :D

In ogni caso è importante scegliere (o avere la fortuna di imbattersi) una zona di "transito"; altre volte ho spruzzato in altri ambienti con risultati scadenti e siccome la “mia siepe” continua a "buttare" bene, perché cambiare? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Cita:
Al massimo, se non trovo niente, vorrà dire che mi terrai tu qualche esemplare


:ok:

_________________
:hi:
______
Andrea


Top
profilo
MessaggioInviato: 18/07/2012, 21:14 
Avatar utente

Iscritto il: 21/02/2011, 15:25
Messaggi: 3721
Località: Montecchio Emilia (RE)
Nome: Violi Michele
:ok: Grazie!

_________________
Michele :D


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/08/2014, 0:51 
Avatar utente

Iscritto il: 18/02/2009, 0:24
Messaggi: 3807
Località: Asciano (Siena)
Nome: Andrea Petrioli
Riporto in superficie questa discussione per un aggiornamento, vedi mai a qualcuno interessi :D

Gli ultimi giorni particolarmente caldi e assolati, stimolato da un MP di Roberto Rattu che mi riferiva della buona quantità di Crisidi che ancora sono presenti in Sardegna, ho deciso di dedicare un po' di tempo alla ricerca su campo.
La giornata da un punto di vista meteo è stata eccezionale, sole pieno, vento moderato a momenti assente. A mezza mattinata (ore 10.00) sono stato nel luogo di "caccia" per un primo sopralluogo e una prima spruzzatura di mielata artificiale. Alle 13.45 sono tornato armato di retino e aspiratore. Ebbene, dopo oltre 1 ora di appostamento solo tre Crisidi. 1 femmina di Trichrysis cyanea, 1 femmina di Chrysis inaequalis, 1 femmina di Chrysis comparata.
Visti i risultati alle 15.00 sono venuto via.

Che dire. In questo periodo dell'anno ho sempre cacciato poco dalle mie parti (mi verrebbe da dire "ci sarà un motivo"). Ma la giornata meteo favorevole in un annata abbastanza irregolare; il fatto di sapere per certo che certe bestiole sono state catturate anche a settembre (vedi la serie tipica del Hedychridium wahisi)........

Insomma, qualcosa in più mi sarei aspettato.

In ogni caso anche se è un insuccesso è un dato che mi piace condividere.

Per dovere di cronaca pochissimi gli imenotteri giunti alla mielata, prevalentemente apoidei.

_________________
:hi:
______
Andrea


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/08/2014, 9:30 
Avatar utente

Iscritto il: 22/12/2009, 13:31
Messaggi: 8994
Località: Napoli
Nome: Francesco Izzillo
Per quanto mi riguarda posso solo avvalorare quanto dice Andrea; ultimamente pochissimi Crisidi e solo specie abbastanza comuni con qualunque sistema: praticamente nulla alla mielata, poco e comune nei piattini e poco e appena meglio a vista che è anche il sistema che preferisco. :hi:

_________________
Francesco Izzillo


Top
profilo
MessaggioInviato: 30/08/2014, 21:33 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31338
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
L'altro ieri ho portato un amico entomologo iracheno che è stato 2-3 giorni a Roma a vedere un po' di nostri ambienti, e siamo andati a Maccarese. Un caldo che quest'anno ancora non avevo mai sentito, ed in giro nemmeno un Coleottero, a parte un Pachylister morto stecchito! Diversi ditteri, qualche imenottero, ma poca roba. Nelle trappole gialle solo 2 mordellidi e qualche dittero.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 31/08/2014, 15:46 
Avatar utente

Iscritto il: 02/09/2009, 20:57
Messaggi: 8453
Località: Cagliari
Nome: Roberto Rattu
Qui è un po' un altro mondo, anche perché è quasi da fine maggio che non piove :( : alla melata artificiale (e non) buone catture di mutillidi (maschi): Smicromyrme melanolepis, Sm. perisii, Sm. ruficollis ceresae, Nemka viduata e altri smicromirmini, Mutilla quinquemaculata, Dasylabris maura carinulata, Ronisia ghilianii. Come crisidi non tanti per la verità, anche perché qui la melata artificiale funziona poco: Chrysis paglianoi, Ch. aurotecta, Ch. comparata, Pseudomalus violaceus, Trichrysis cyanea, Hedychridium scutellare. Da più di due settimane sono spariti invece Holopyga sardoa, Hedychrum rufipes e Chysis pyrrhina.

:hi:


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Pagina 2 di 3 [ 42 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: