Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 22/09/2019, 12:58

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Thanatophilus sinuatus (Fabricius, 1775) Dettagli della specie

21.III.1990 - ITALIA - Emilia-Romagna - FE, Dosso Lungo, Comacchio


nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 13 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 22/09/2010, 14:32 
Avatar utente

Iscritto il: 31/08/2009, 8:42
Messaggi: 270
Località: Milano
Nome: Giampaolo Bosi
Durante il lavoro di riorganizzazione :no1: , nella "scatoletta" di questo gruppo ho trovato un esemplare raccolto alla
punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
Sono nel dubbio se si tratti di Tanatophilus rugosus o Silpha sinuata :?
(o nessuna delle due? :bit )

Emilia-Romagna - punta Bosco Forte, Dosso Lungo - 21.III.1990 - 11-12 mm
New-Out99989 elab01.jpg


_________________
:hi: Giampaolo


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 15:38 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31212
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Silpha sinuata non esiste più come nome, forse intendevi Thanatophilus sinuatus.
I due Thanatophilus si riconoscono perchè rugosus ha dei rilievi trasversi ed obliqui che uniscono le coste longitudinali delle elitre, mentre in sinuatus ci sono solo le coste longitudinali. Nell'esemplare della tua foto sembrano esserci alcuni (pochi) rilievi trasversali, ma forse sono solo dei segni sulla superficie elitrale. Direi che possiamo escludere T. rugosus. Fosse stato preso qui nel Lazio, ti direi certamente Thanatophilus sinuatus, ma nel Nord Italia è segnalato anche T. dispar, che non conosco, ma credo sia molto simile al sinuatus.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 19:38 
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 23:32
Messaggi: 5644
Località: da Ferrara ad Alghero
Nome: Roberto A. Pantaleoni
Hydropaulus ha scritto:
... punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
:lov3: :lov3: :lov3:
Ho anche il sospetto di conoscere il raccoglitore :gh: !

Roberto :to:

_________________
verum stabile cetera fumus


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 20:07 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6231
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
Hemerobius ha scritto:
Hydropaulus ha scritto:
... punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
:lov3: :lov3: :lov3:
Ho anche il sospetto di conoscere il raccoglitore :gh: !

Roberto :to:

Scommetto che lo conosci talmente bene da poter dire che lo conosci come te stesso :mrgreen: :mrgreen:

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 21:34 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31212
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Hemerobius ha scritto:
Hydropaulus ha scritto:
... punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
:lov3: :lov3: :lov3:
Ho anche il sospetto di conoscere il raccoglitore :gh: !

Roberto :to:

E sarebbe meglio indicare anche il raccoglitore insieme a località e data, soprattutto quando è diverso da chi invia la foto!

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 22:17 
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 23:32
Messaggi: 5644
Località: da Ferrara ad Alghero
Nome: Roberto A. Pantaleoni
Affidabile, raccoglitore affidabile :gh: !

Roberto :to:

_________________
verum stabile cetera fumus


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2010, 22:19 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6231
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
Julodis ha scritto:
Hemerobius ha scritto:
Hydropaulus ha scritto:
... punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
:lov3: :lov3: :lov3:
Ho anche il sospetto di conoscere il raccoglitore :gh: !

Roberto :to:

E sarebbe meglio indicare anche il raccoglitore insieme a località e data, soprattutto quando è diverso da chi invia la foto!


Su questo concordo, su quello che ha detto Roberto meno, molto meno :mrgreen: :mrgreen: :gh: :gh:

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 23/09/2010, 9:45 
Avatar utente

Iscritto il: 31/08/2009, 8:42
Messaggi: 270
Località: Milano
Nome: Giampaolo Bosi
Julodis ha scritto:
Hemerobius ha scritto:
Hydropaulus ha scritto:
... punta Bosco Forte sul Dosso Lungo nella Valle di Comacchio (un ambiente che qualcuno che lì è di casa, forse, arriverebbe a definire come "mistico" ;) ).
:lov3: :lov3: :lov3:
Ho anche il sospetto di conoscere il raccoglitore :gh: !

Roberto :to:

E sarebbe meglio indicare anche il raccoglitore insieme a località e data, soprattutto quando è diverso da chi invia la foto!


OK OK Maurizio e Dado, ho sbagliato :no: e non lo faccio più :bln: !
Così come non l'ho mai fatto prima: infatti, tra gli Haliplidae che ho postato ho sempre indicato il raccoglitore quando non ero io :lol1:
(mi spiace ma non so come collegare qui questi argomenti).

Nel caso specifico, vedete che ho enfatizzato la stazione di raccolta, tanto che come fosse una "formula magica" .... :o
è comparso (=intervenuto) l'autore del "fattaccio"! ;)

_________________
:hi: Giampaolo


Top
profilo
MessaggioInviato: 23/09/2010, 14:04 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31212
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Hydropaulus ha scritto:
OK OK Maurizio e Dado, ho sbagliato :no: e non lo faccio più :bln: !
Così come non l'ho mai fatto prima: infatti, tra gli Haliplidae che ho postato ho sempre indicato il raccoglitore quando non ero io :lol1:

Normalmente non è un problema, ma è sempre meglio sapere chi è il raccoglitore, soprattutto se si tratta di specie molto localizzate, trovate fuori del loro areale, ecc. (ovviamente, non è questo il caso. La maggior parte dei Silphidae ha areali vastissimi, del tipo: tutta la regione paleartica!)
Così se c'è qualcosa che non quadra si sa con chi prendersela!

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/09/2010, 11:29 
Avatar utente

Iscritto il: 31/08/2009, 8:42
Messaggi: 270
Località: Milano
Nome: Giampaolo Bosi
Per tornare all'esemplare, ho consultato il lavoro di Hastir & Gaspar (2001, Diagnose d’une famille de fossoyeurs: les Silphidae. Notes faunistiques de Gembloux, n° 44: 13-25) che, anche se francese, presenta una chiave per le tre specie del genere Thanatophilus.
In effetti,
Julodis ha scritto:
I due Thanatophilus si riconoscono perchè rugosus ha dei rilievi trasversi ed obliqui che uniscono le coste longitudinali delle elitre, mentre in sinuatus ci sono solo le coste longitudinali. Nell'esemplare della tua foto sembrano esserci alcuni (pochi) rilievi trasversali, ma forse sono solo dei segni sulla superficie elitrale. Direi che possiamo escludere T. rugosus.

Concordo su questo punto, quelli che sembrano rilievi trasversi sono solo segni.

Julodis ha scritto:
Fosse stato preso qui nel Lazio, ti direi certamente Thanatophilus sinuatus, ma nel Nord Italia è segnalato anche T. dispar, che non conosco, ma credo sia molto simile al sinuatus.


T. dispar presenta la base del pronoto con una emarginatura convessa davanti allo scutello; inoltre nella femmina l’estremità terminale interna delle elitre non è prolungata, cosa che invece si riscontra nella femmina di T. sinuatus e nel mio esemplare, in cui la base del pronoto davanti allo scutello è diritta.

Quindi, in attesa di smentita o conferma, io direi Thanatophilus sinuatus (Fabricius, 1775).

_________________
:hi: Giampaolo


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/09/2010, 16:31 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31212
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Difficile capire come sia la base del pronoto da quella foto!
Maledetti spilli, che coprono sempre i caratteri specifici!
Comunque, io non vedo differenze di rilevo rispetto ai miei esemplari di sinuatus.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/10/2010, 14:05 
Avatar utente

Iscritto il: 31/08/2009, 8:42
Messaggi: 270
Località: Milano
Nome: Giampaolo Bosi
ecco la foto dello stesso esemplare in cui si vede la base del pronoto
New-Out99993 elab01.jpg


_________________
:hi: Giampaolo


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/10/2010, 21:37 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31212
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Direi quindi che dovrebbe proprio essere Thanatophilus sinuatus (Fabricius, 1775)

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 13 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: