Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 05/04/2020, 19:08

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Cheironitis irroratus sui monti intorno a Dolianova



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Pagina 1 di 2 [ 23 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 27/08/2013, 12:23 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
Cheironitis irroratus (Rossi 1790), vari esemplari fotografati nel loro ambiente.

C. irroratus.JPG



C.irroratus 1.JPG



C.irroratus 2.JPG



Rinvenuti (durante i miei giri entomociclistici offroad) con frequenza su sterco equino e bovino nelle ultime tre settimane in una ampia zona compresa tra la sp14 (Dolianova-S. Nicolò Gerrei) mitza pirastru e il Monti Tronu.
L’ambiente è piuttosto vario e va dalle parti xeriche al confine tra un boschetto di lecci (505/530 m slm) e macchia mediterranea passando alle cime spelacchiate (gariga bassa) delle montagne circostanti (700/900 m slm) per finire al limitare di un boschetto di aghifoglie (900/930 m slm) sommitale.
Copia di lecceta 19.05.2013 (17).JPG


Copia di IMGP0896.JPG


Copia di IMGP0923.JPG


In alcuni ammassi di sterco vecchio e secco vi erano esemplari morti e disseccati (ma perfettamente integri).
Gli esemplari presi nella prima escursione (diversi da quelli in foto, più recenti) quando li preparerò li posterò nella apposita sezione.

Cesare

PS: la foto della lecceta risale al 19.05... non ne avevo una buona più recente.
ora è tutto molto meno "verde"...

_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 19:18 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31340
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
C'è qualche xilofago su quei pini?

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 21:00 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
e qui ti volevo... :lol:
era una questione che volevo sottoporti... ogni volta che esploro un ambiente e penso ai buprestidi (ma non solo a loro) mi dico "cavolo, se ci fosse Julodis mi saprebbe dire un sacco di cose...")...
allego quindi foto dei fori d'uscita sperando che se ne cavi qualcosa... sapendo che bestie sono magari la prossima primavera riesco ad effettuare qualche cattura interessante (almeno per me).
(grazie Maurizio)

Copia di IMGP0899.JPG



Copia di IMGP0900.JPG



Copia di IMGP0903.JPG



Copia di IMGP0904.JPG



Copia di IMGP0908.JPG



Copia di IMGP0910.JPG



Copia di IMGP0911.JPG



PS: la zona oggetto di questo post ha rischiato recentemente di venir spazzata via da un brutto incendio (che fortunatamente è stato fermato prima... complice anche un po' di pioggia in montagna durante la notte), lo stesso che ha colpito la zona di "Burranca" (che non sono ancora stato a vedere per capire l'entità del danno) sulla ss125 alle pendici dei sette fratelli dove convivono Pachypus sardiniensis e P. candidae. Forse essendo le femmine ipogee non è detto che ne risentano troppo... speriamo bene...

_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 21:05 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
c'era anche questa metà di O. nasicornis su un pezzo di legno morto, probabile vittima di qualche predatore.

Copia di IMGP0907.JPG


_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 21:17 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31340
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Giusto come ipotesi, perchè da foto non si può dire molto, la maggior parte potrebbero essere di Arhopalus (prob. A. ferus). Qualcuno potrebbe essere di Buprestis novemmaculata, e il primo forse di Chalcophora, che non dovrebbe essere nota di Sardegna, ma è possibile che ci sia C. intermedia, molto diffusa in Corsica.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 21:34 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
buono a sapersi...
thanks :birra:

_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 27/08/2013, 23:39 
Avatar utente

Iscritto il: 04/02/2009, 17:49
Messaggi: 4958
Località: Cagliari
Nome: Daniele Sechi
Julodis ha scritto:
Giusto come ipotesi, perchè da foto non si può dire molto, la maggior parte potrebbero essere di Arhopalus (prob. A. ferus). Qualcuno potrebbe essere di Buprestis novemmaculata, e il primo forse di Chalcophora, che non dovrebbe essere nota di Sardegna, ma è possibile che ci sia C. intermedia, molto diffusa in Corsica.

Concordo su tutto eccetto sulla Calcophora, le dimensioni mi sembrano più da Chrysobotris solieri ma potrei sbagliarmi.

_________________
:hi:
Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/08/2013, 0:17 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
ciao Daniele :hi:
è sempre un piacere risentirti :hi:

Cesare

_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/08/2013, 7:23 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31340
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Daniele Sechi ha scritto:
Concordo su tutto eccetto sulla Calcophora, le dimensioni mi sembrano più da Chrysobotris solieri ma potrei sbagliarmi.

Infatti ho scritto forse, e pure sottolineato, perchè sono molto in dubbio (non riesco a capire bene le dimensioni, e nemmeno le proporzioni altezza/larghezza sono ben chiare, visto che in foto appaiono diverse a seconda dell'inquadratura.
Chrysobothris però non direi, perchè le larve scavano tra legno e corteccia, per cui si dovrebbe almeno vedere, nelle vicinanze, qualche traccia residua della galleria, anche nell'ipotesi che fosse passato un po' di tempo dal distacco della corteccia. Addirittura nei pini spesso le larve scavano nello spessore della corteccia, e anche la celletta pupale è scavata in essa, per cui il foro d'uscita si vede sul lato esterno della corteccia, ma non sul legno sottostante. Inoltre, il legno appare molto vecchio, ma il foro è decisamente di quest'anno, per cui, a maggior ragione, no Chrysobothris! A proposito, sempre parlando della prima foto, quasi non sembra nemmeno pino. Dal poco che si vede, mi fa quasi pensare a un cipresso/ginepro/thuja.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/08/2013, 7:52 
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2012, 1:00
Messaggi: 447
Località: Cagliari
Nome: cesare ancona
si alcuni fori sono decisamente vecchi, altri recenti alcuni molto recenti... la prossima volta che ci vado prenderò le misure "precise".... ho fatto le foto con la mano (o le dita) in evidenza proprio per avere un riferimento dimensionale "spannometrico"...
cercherò anche altre "tracce" nel boschetto visto che sono numerosissime, quelle fotografate riguardano solo i primissimi metri.

_________________
sono l'asociale più socievole che conosca...


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/08/2013, 13:53 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31340
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Tieni conto che nelle pinete piantate, come presumo sia questa, quando ci arrivano gli Arhopalus diventano veramente infestanti, e non si salva più un ceppo o tronco morto. Però in mezzo ci può sempre essere qualcosa di più interessante.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 29/08/2013, 21:41 
Avatar utente

Iscritto il: 02/06/2012, 11:02
Messaggi: 433
Località: Quartucciu ( Cagliari )
Nome: Federico Alamanni
Veramente dei bei posti i quali , nelle ultime settimane, ho visitato diverse volte in compagnia di alcuni amici trovando Dorcus musimon , Carabus genei , Percus strictus , Oryctes nasicornis alcune Netocia sardea ,carabidi e coprofagi vari , davvero dei posti interessanti :)
:hi:

_________________
Federico Alamanni

federico.alamanni@gmail.com


Top
profilo
MessaggioInviato: 31/08/2013, 17:14 
Avatar utente

Iscritto il: 01/11/2009, 9:51
Messaggi: 2152
Nome: Andrea Rattu
Posti stupendi e interessantissimi che mi ha fatto conoscere l'amico Davide Cillo. Uno dei pochi lembi di foresta primaria di leccio presenti in Sardegna. La mia ultima "visita" risale al pomeriggio del 5.XI.2012:


1.JPG


_________________
Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!
Konrad Lorenz
Top
profilo
MessaggioInviato: 31/08/2013, 17:20 
Avatar utente

Iscritto il: 01/11/2009, 9:51
Messaggi: 2152
Nome: Andrea Rattu
Adriana Lecis e Davide Cillo


4.jpg


_________________
Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!
Konrad Lorenz
Top
profilo
MessaggioInviato: 31/08/2013, 17:22 
Avatar utente

Iscritto il: 01/11/2009, 9:51
Messaggi: 2152
Nome: Andrea Rattu
Davide Cillo esamina alcuni tronchi...


3.jpg

2.jpg


_________________
Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!
Konrad Lorenz
Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Pagina 1 di 2 [ 23 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: