Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 30/03/2020, 7:51

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Faggete/peccete dei dintorni di Ospitale di Fanano (MO)



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Pagina 1 di 3 [ 36 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 22/09/2014, 19:55 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Inizio ad inserire le foto delle poche catture che ho fatto al campo estivo di quest'anno (non fosse per gli scout, avrei ben poche occasioni per cacciare lontano da casa :to: ), che si è tenuto dall'11 al 21 agosto vicino a Ospitale di Fanano, sull'appennino modenese, ad una quota di circa (spero di non sbagliarmi) 1300m; magari qualcuno della zona conosce Capanno Tassoni, dove si mangiano ottime tigelle :p ... Ecco, eravamo poco più in basso, 15 minuti a piedi ;)
L'ambiente attorno al campo era formato da una faggeta quasi pura (in mezzo trovavo qualche ontano, qualche pioppo -che non credevo di trovare a quella quota :oops: - e poco altro) frammista a spiazzi ad abete rosso.
La pecceta era palesemente artificiale (alberi praticamente disposti in filari e senza nessun'altra specie arborea in mezzo) e la faggeta era giovane, senza grosse piante... Mi hanno spiegato che questo è dovuto al fatto che durante la guerra i boschi della zona sono stati completamente abbattuti per la legna; in seguito avranno piantumato delle zone con l'abete rosso, mentre attorno si è pian piano riformata l'originale faggeta.
Purtroppo non ho al momento nessuna foto dell'ambiente. :|

Le catture sono state poche e temo nulla di eccezionale, un po' per il tempo veramente pessimo e un po' perchè ho cacciato solo a vista nei momenti liberi.

In seguito le foto ;)

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 20:03 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Le catture sono state soprattutto carabidi, dato che i floricoli erano scarsi per la stagione avanzata e per il freddo e la pioggia; poi alcuni cerambicidi -tutti "banali"- e i due esemplari che seguono, unici delle loro famiglie. :D

Endomychidae: un singolo Endomychus coccineus, raccolto sotto corteccia di peccio morto caduto a terra.
Endomychus coccineus.jpg



Cetoniidae: un singolo Trichius raccolto su cardo, che mi sembra (e spero sia) un fasciatus; inserisco anche l'edeago.
Trichius fasciatus a.jpg


Trichius fasciatus b.jpg


_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 20:14 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Una foto di gruppo dei cerambicidi: Aromia moschata, coppia raccolta in copula su un cardo ( :? ), Stictoleptura rubra femmina (l'unica cattura fra i cerambicidi di cui sono stato davvero contento, dato che mi mancava), Stenurella melanura, due femmine, una Rutpela maculata (l'unica abbastanza frequente), una Pseudovadonia livida e due Paracorymbia fulva; i Rhagium inquisitor li ho ottenuti a casa da pupe raccolte sotto corteccia di peccio... Purtroppo si vede che sono un pessimo allevatore: da otto pupe ho ottenuto cinque adulti, di cui due malformati :cry: Ho ancora sei larve, ma non credo ne uscirà qualcosa...
cerambicidi.jpg



Fra i carabidi, mi ha fatto molto piacere raccogliere dei Cychrus, che non avevo mai incontrato prima! :hp: Credo sia la specie più comune, anche per le grandi dimensioni (che non ricordo, ma più o meno vicine ai 3cm), ovvero C. italicus. Quello a sinistra preparato su cartellino l'ho raccolto morto, trovato per puro caso in mezzo alla lettiera di faggio, calpestato da qualcuno da non molto. Un'altro era anch'esso a terra fra la lettiera di faggio e un'altro in un ceppo marcio sempre di faggio.
Cychrus italicus.jpg



Quando troverò il tempo per le altre foto seguiranno tutti gli altri carabidi, per i quali chiederò il vostro aiuto per la determinazione :oops: :lov2:

Per ora è tutto :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 20:25 
Avatar utente

Iscritto il: 10/05/2010, 22:31
Messaggi: 3886
Località: Follonica (GR)
Nome: marco bastianini
Bravo Daniele
belle preparazioni :ok:

_________________
:to: Marco


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 20:31 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2010, 11:51
Messaggi: 3842
Località: Messina - Motta Sant'Anastasia (CT)
Nome: Giovanni Altadonna
hypotyphlus ha scritto:
Bravo Daniele
belle preparazioni :ok:

Quoto! :ok:

_________________
"L' uomo che è cieco alle bellezze della natura ha perduto metà del piacere di vivere"
Sir Robert Baden Powell

Giovanni Altadonna


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 21:32 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Grazie ragazzi :oops: :lov2:
Intanto, mi sono ricordato che da qualche parte avevo già messo foto di specie raccolte nella medesima zona (però a quota leggermente inferiore); inserisco il link per completezza; magari alla fine del "reportage" :to: fotograferò anche le catture di due anni fa, ancora sempe di quella zona (ultimamente si finisce sempre lì! :sick: :lol: ).

http://www.entomologiitaliani.net/public/forum/phpBB3/viewtopic.php?f=49&t=36553&hilit=val+di+lamola&start=30
(in mezzo ci sono anche foto che non c'entrano con quella zona, ma nel testo c'è scritto)

Finirò appena possibile! :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 22/09/2014, 21:50 
Avatar utente

Iscritto il: 05/08/2009, 18:02
Messaggi: 2228
Nome: Marcello Benelli
Mi associo. Ottima preparazione!

_________________
Marci
"S'i fosse fuoco, arderei 'l mondo,
S'i fosse vento, lo tempesterei,
S'i fosse acqua, i' l'annegherei
s'i fosse dio, mandereil' en profondo" ( Cecco Angiolieri).


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/09/2014, 18:13 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Grazie anche a te Marcello :lov2: Troppo buoni... Aspettate a vedere la percentuale di mutilati fra i carabidi più piccoli :oops: Dire che sono maldestro è poco! :no1:

Inserisco un'altro paio di specie.

La cattura più rara e pregevole :to:
Calathus fuscipes graecus; ma anche in montagna sta?! :sick: :to:
calathus fuscipes.jpg


(ne ho incontrati due, sempre la mattina appena sveglio davanti alla tenda; il primo non l'ho neanche raccolto. Il secondo, visto che insisteva, l'ho preso :to: )

.................

Tre notiophilus, sempre trovati a terra fra la lettiera; seguendo le chiavi arrivo con dubbio a biguttatus. Ma confrontandoli coi biguttatus della mia zona che ho in collezione mi sembrano piuttosto diversi, per la larghezza dello "specchio". O è una specie piuttosto variabile, o ho sbagliato una delle due determinazioni! Le foto non aiutano molto... :sick:
notiophilus 1.jpg


notiophilus 2.jpg


notiophilus 3.jpg


_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/09/2014, 18:21 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Altre due specie; sarebbe meglio seguire la sistematica, ma molte non so dove piazzarle... Quindi vado un po' in ordine sparso :to:

Questi mi piacciono molto, con quelle antenne "capellone"! 8-)
cara 1 a.jpg


Foto ingrandita di uno dei due:
cara 1 b.jpg



Questi suppongo siano della stessa specie...
cara 2.jpg


cara 3.jpg



Per ora è tutto; grazie a chi mi aiuterà nella determinazione! :lov2: :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/09/2014, 20:26 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 2229
Località: Garbagnate Milanese
Nome: Augusto Franzini
I "capelloni" sono Loricera pilicornis, che non è mai banale. Gli altri due carabidi sembrano (le foto sono un po' sfocate) due Pterostichus (Haptoderus) apenninus, salvo conferma!
:hi:

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
MessaggioInviato: 25/09/2014, 21:29 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2010, 11:51
Messaggi: 3842
Località: Messina - Motta Sant'Anastasia (CT)
Nome: Giovanni Altadonna
Daniele Maccapani ha scritto:

La cattura più rara e pregevole :to:
Calathus fuscipes graecus; ma anche in montagna sta?! :sick: :to:


In Sicilia non c'è montagna dove non sia presente. :mrgreen:

_________________
"L' uomo che è cieco alle bellezze della natura ha perduto metà del piacere di vivere"
Sir Robert Baden Powell

Giovanni Altadonna


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/09/2014, 14:32 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:31
Messaggi: 8743
Località: milano
Nome: maurizio pavesi
ciao daniele

i Notiophilus sono chiaramente biguttatus, che non è granché variabile; solo la macchia giallastra apicale può apparire variabile anche in funzione delle condizioni dell'es., in quelli in collezione leggermente sporchi di grasso può diventare poco visibile o anche sparire proprio

la larghezza dello "specchio" (circa come le tre interstrie seguenti prese insieme) però è diagnostica; a questo punto, per sicurezza, un'occhiatina a quelli che hai in collezione come biguttatus si potrebbe anche dargliela ;) (p.s. delle tue parti... dove :roll: ? il biguttatus non ci sta in pianura :to: )

_________________
*****************
Immagine maurizio


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/09/2014, 15:23 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
gomphus ha scritto:
(p.s. delle tue parti... dove :roll: ? il biguttatus non ci sta in pianura :to: )

Grazie per la determinazione :birra: Al più presto inserisco delle foto dei miei presunti biguttatus; comunque durante un recente campionamento nel bosco della Mesola col museo di Ferrara ho preso due esemplari che mi sono stati determinati così :? Vedrò di controllarli meglio...

Grazie di nuovo :hi:

PS: devo correggermi; ho controllato un paio di cose dopo che mi hai messo il dubbio, e effettivamente avevo trascritto male il nome, continuando fino ad oggi a chiamarli col nome sbagliato :no1: Gli esemplari del Bosco della Mesola, e dunque suppongo anche gli altri che ho in collezione, sono dei substriatus; specie che era già nota per la zona, a quanto ho verificato :ok: Ricontrollerò quelli che ho in collezione e al massimo, se mi restano dei dubbi, fotografo ;) :hi:

_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
MessaggioInviato: 28/09/2014, 23:34 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:31
Messaggi: 8743
Località: milano
Nome: maurizio pavesi
ciao daniele

il substriatus, dopo il rufipes, è una delle due specie di Notiophilus più frequenti nella pianura padano-veneta (non so se nel ferrarese arrivi anche il geminatus, che si trova per es. a forlì); si riconosce facilmente dal biguttatus per le strie elitrali, formate da una sorta di lineette longitudinali una dietro l'altra (come fosse una sottile linea incisa, interrotta a brevissimi intervalli) anziché da punti tondeggianti come nel biguttatus

il rufipes somiglia a prima vista al biguttatus quanto a punteggiatura delle strie, ma i femori almeno ant., in genere anche i mediani, sono rossicci anziché neri, e le elitre sono unicolori metalliche senza macchia gialla apicale

p.s. il geminatus somiglia a un substriatus, con le interstrie successive allo "specchio" più opache e di larghezza più disuguale, ed elitre unicolori metalliche

p.p.s. tutti questi con lo "specchio" largo quanto le tre interstrie seguenti prese insieme, se è molto più stretto si tratta (in pianura) del più raro palustris

_________________
*****************
Immagine maurizio


Top
profilo
MessaggioInviato: 07/10/2014, 20:01 
Avatar utente

Iscritto il: 09/06/2012, 20:57
Messaggi: 4180
Località: Mesola (FE)
Nome: Daniele Maccapani
Grazie ancora a Maurizio per le indicazioni sui Notiophilus :birra:
Il rufipes è più comune del substriatus? :roll: Nel Bosco della Mesola la situazione è decisamente questa (i due substriatus li ho presi per primo io, prima ci erano stati presi solo i rufipes, che anche nel mio campionamento sono risultati molto molto più numerosi), ma all'esterno, anche in altri boschi più o meno simili, non ho ancora preso un rufipes che sia uno! Solo substriatus (che fino a una settimana fa chiamavo biguttatus :no1: ).

Comunque, tornando al campo... Pian pianino vado avanti con le foto... Che però vengono sempre peggio :sick:

Una serietta di Pterostichus bicolor bicolor:
bicolor 1.jpg


Hanno una colorazione piuttosto variabile: quattro sono molto brillanti, con riflessi verde metallico, ma due sono di un viola molto scuro e quasi senza riflessi.

Due bicolor "normali":
bicolor 2.jpg



Uno scuro:
bicolor 3.jpg


_________________
"Lasciate questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato" (Sir Robert Baden Powell)
Immagine Daniele


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Pagina 1 di 3 [ 36 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: