Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 17/07/2019, 23:18

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

qualcuno può aiutarmi ?



nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 14 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 13/01/2019, 16:24 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
ho ancora bisogno del vostro aiuto, sono sempre più convinto che non si tratti di larve di tarma... e ho l'impressione che nonostante il freddo la situazione stia peggiorando..... ora me le ritrovo anche nei vestiti...
nelle foto che vi allego si vede in sequenza :
1) la larva che ho trovato attaccata al mio polpaccio
2) la suddetta ancora attaccata, e me ne sono accorto perche ho sentito un prurito abbastanza forte
3) il segno lasciato dopo averla forzatamente staccata
capirete che sono abbastanza preoccupato, sto raccogliendo campioni per portargli al gruppo entomologico toscano in settimana ma vi sarei grato se qualcuno potesse, nel frattempo, provare a ipotizzare con cosa ho a che fare o in alternativa a chi rivolgermi.

sotto il link della precedente discussione da me aperta se volete vedere le altre foto dei ritrovamenti.
Grazie per la pazienza ☺
viewtopic.php?f=496&t=83343


1.jpg

2.jpg

3.jpg

Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 16/01/2019, 16:33 
Avatar utente

Iscritto il: 23/06/2010, 19:05
Messaggi: 2372
Località: Pescara
Nome: Alessio Morelli
Ciao Massimiliano,
premesso che sono un semplice appassionato di entomologia, e non mi occupo di disinfestazione, vorrei provare anch'io a darti una mano.

Come ha già scritto Marco nessuna delle foto raffigura "direttamente" un insetto. Onestamente (perdonami) non mi è chiara quale sia la tua idea di "insetto," "larva", o "sacche di uova". Prima di tutto si muovono? Come fai a dire che sono insetti quelli che vedi? Magari i responsabili, o le cause posso essere altre.
Se li si osserva attentamente, sia gli adulti che gli stadi giovanili degli insetti, presentano, come caratteristica più evidente, almeno una simmetria bilaterale, questa permette da sola di distinguerli facilmente dalla polvere e dagli altri micro frammenti che si trovano in casa. Anche le "uova" spesso hanno una forma piuttosto regolare e presentano una superficie più o meno lucida.
Se fai una ricerca su google scrivendo ad es.: pulci, pidocchi, betilidi, acari, zecche, ecc., te ne puoi rendere conto.
I casi dubbi si possono presentare nel caso in cui gli organismi sono ricoperti da detriti (il caso più emblematico è quello degli astucci protettivi delle larve della tarma dei vestiti che ha citato Maurizio, oppure mi vengono in mente, perché no, anche i pupari delle pulci, visto che assomigliano molto ai detriti da te fotografati!), ma in genere penso che siano piuttosto rari almeno tra i parassiti ematofagi.
Oppure quando sono molto piccoli e non si riesce a vederli bene (come nel caso degli acari!).

I principali parassiti che si ricontrano sul corpo umano o nelle abitazioni dalle nostre parti sono questi, io ho cercato di dividerli per categorie in:

Parassiti ematofagi degli animali e dell'uomo:
- Insetti volatori come ditteri (tafani, simulidi, ippoboscidi, zanzare, papataci, ecc.) [si nutrono di sangue allo stadio adulto]
- Insetti non volatori come pidocchi e piattole (Anopluri), pulci (Sifonatteri), e cimici dei letti (Eterotteri) [si nutrono di sangue in tutti gli stadi]
- Aracnidi come zecche dure (Ixodidi) e zecche molli o dei piccioni (Argasidi), che infestano di norma gli animali domestici e selvatici. [ematofagi in tutti gli stadi]

Parassiti non-ematofagi degli animali e dell'uomo:
- Parassiti dei tarli del legno come betilidi (Imenotteri) e "acari del legno". [pungono l'uomo essenzialmente per difesa, ma posso provocare reazioni cutanee allergiche e non]
- Acari sarcoptidi [scavano cunicoli sotto la pelle e nei casi gravi provocano la "scabbia"]
- (Altri parassiti che riguardano altri casi (ditteri endoparassiti, ecc.)

Parassiti del legno, delle derrate alimentari, dei vestiti, ecc. (non si nutrono di sangue):
- Tarme dei vestiti, della farina, ecc. (Lepidotteri) [non pungono l'uomo!]
- Tarli del legno (Coleotteri) [non pungono l'uomo!]
- Acari della polvere [posso pungere, ma non creano reazioni nei soggetti non allergici]
- (Altri insetti che riguardano altri casi...)

Inoltre per avere un quadro più completo della situazione mi verrebbe inoltre da chiederti:

1. Come si presenta il soffitto? Visto che avevi ipotizzato potesse provenire da lì l'infestazione (ad es. se fossero pupari di pulci quegli agglomerati che vedi).
2. Qualche altra foto delle presunte "punture".

:hi:

P.S. Ovviamente "parassita" è da intendere nell'accezione più larga del termine :D .


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 11:04 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
ringraziando per l'interesse mostrato finora per il mio problema sto ancora cercando di capire con cosa ho a che fare e si sta concretizzando ormai l'idea di chiamare una ditta specializzata perchè non so più come levarne le gambe..... vi allego comunque una foto dell'ultimo ritrovamento di questa larva che passeggiava sul mio collo appena dopo essermi alzato da letto.Ringraziandovi fin d'ora...


5.jpg

4.jpg

Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 11:23 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
Vogliate perdonarmi ma visto che c'ero ho aggiunto altre foto dei recenti ritrovamenti casomai possano essere d'aiuto per ipotizzare un identificazione.....
grazie per il vostro interessamento
max


11.jpg

10.jpg

9.jpg

8.jpg

7.jpg

6.jpg

Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 13:15 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:28
Messaggi: 2721
Nome: Marco Uliana
Massimiliano, ancora una volta niente di quello che mostri sembra avere a che fare con l'ambito entomologico, inclusa la presunta larva che ti camminava sul collo. A meno che tu non ti sia preoccupato di "rollarla" accuratamente fra le dita fino a parle perdere ogni sembianza prima di fotografarla, cosa che immagino possiamo escludere. Non si vedono segmenti, zampe, capo, setole, stigmi, nulla.

Tutti i reperti sembrano riconducibili a detriti di fibre tessili e materiali provenienti dalla tua pelle (follicoli piliferi, ghiandole sebacee e "cose" simili, che non essendo io un medico indico in modo approssimativo).


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 16:25 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
Glaphyrus ha scritto:
Massimiliano, ancora una volta niente di quello che mostri sembra avere a che fare con l'ambito entomologico, inclusa la presunta larva che ti camminava sul collo. A meno che tu non ti sia preoccupato di "rollarla" accuratamente fra le dita fino a parle perdere ogni sembianza prima di fotografarla, cosa che immagino possiamo escludere. Non si vedono segmenti, zampe, capo, setole, stigmi, nulla.

Tutti i reperti sembrano riconducibili a detriti di fibre tessili e materiali provenienti dalla tua pelle (follicoli piliferi, ghiandole sebacee e "cose" simili, che non essendo io un medico indico in modo approssimativo).

Grazie per la risposta Glaphyrus, credimi... mi piacerebbe essere un malato immaginario ma così non è purtroppo, e non sono nemmeno reazioni allergiche.Mi sono rivolto a voi del forum sperando nel riuscire a capirci qualcosa ma indubbiamente non sono in grado di produrre materiale decifrabile per voi.Le varie foto che ho inserito sono del materiale che trovo tutti i santi giorni nel letto.... comprensivo di pruriti e forellini vari in lenzuoli e intimo più un paio di ponfi che mi son trovato su nuca e bassa schiena.Comunque a questo punto non mi rimane che cambiare il materasso ( e lì i buchi non gli ho fatti io :D ) e rivolgermi a una ditta specializzata per debellare il problema.
Vi ringrazio tutti per la pazienza dimostratami e spero di non aver disturbato troppo...
Max


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 16:56 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:28
Messaggi: 2721
Nome: Marco Uliana
Dubito che il problema possa essere risolto senza aver capito di cosa si tratta, anche se rischi che la ditta ti suggerisca una bella fumigazione "a occhio" (non me ne vogliano gli amici che lavorano con competenza nel settore, non voglio fare di tutta l'erba un fascio).

Chiunque può trovare quel genere di materiali nel letto se si mette a cercare con un pò di pazienza.
Non ho visto le foto di buchi di tessuti (che comunque sarebbero poco indicative) nè dei ponfi che riferisci, in ogni caso i due fenomeni non possono essere prodotti dallo stesso agente. Gli insetti che bucano i tessuti non sono anche parassiti dell'uomo.

in bocca al lupo


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 08/02/2019, 21:19 
 

Iscritto il: 14/04/2011, 12:21
Messaggi: 532
Nome: Rinaldo Nicoli Aldini
Leggendo un paio di espressioni: "sono abbastanza preoccupato", "non so come levarne le gambe", si constata che si tratta di una situazione ansiogena, che non sembra però trovare riscontri entomologici obiettivi realmente preoccupanti. E' possibile che invece ci siano, ma controllare l'ansia in questo caso può essere un primo passo per guardare con maggiore serenità al resto della problematica, per la quale ci dev'essere senz'altro una soluzione. Affronterei quindi la componente ansiogena di questo stato di cose ricorrendo a un medico di fiducia, che potrà valutare e suggerire i passi più opportuni per guardare con minore preoccupazione alle possibili implicazioni entomologiche: mi sembra un iter da non sottovalutare anzi da consigliare, illustrando al medico stesso l'accurata documentazione raccolta sul problema e la difficoltà degli entomologi a venirne a capo.


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 09/02/2019, 18:40 
Avatar utente

Iscritto il: 20/07/2009, 16:32
Messaggi: 4490
Località: Tempio P. (OT)
Nome: Mauro Doneddu
Purtroppo vedo con una certa frequenza (almeno un paio di volte l’anno) casi analoghi a questo, che quindi non sono rari come si trova scritto nei testi, ma evidentemente solo sottostimati. In teoria, essendo io contemporaneamente un dermatologo e un entomologo, dovrebbero essere casi particolarmente adatti a me. Ma non è così, anzi, non solo non ho una doppia competenza, ma non ne ho alcuna. Infatti, non si tratta né di una patologia cutanea, né di una patologia causata da artropodi. Si chiama sindrome di Ekbom o più volgarmente parassitofobia. Ogni volta che la incontro mi ricordo della prima volta che ne lessi, ancor prima che mi iscrivessi alla scuola di specializzazione, sul testo usato per l’esame di dermatologia del corso di laurea. Ho passato allo scanner la pagina in questione (si, dopo 40 anni ho ancora il libro!), e questo è un frammento di tale pagina, dal quale ho cancellato l’inessenziale.
parassitofobia.jpg


Quello che mi colpì fu che "accuratamente conservati" fosse scritto in corsivo, come se avesse una particolare importanza. E ogni volta che vedo un caso, mi ricordo della frase proprio per questo: è proprio così, è importante sottolineare che i pazienti sono molto accurati nel conservare i reperti. Me li portano accuratamente avvolti in fazzolettini di carta, o in piccole scatoline, o in flaconcini o in altri contenitori. L’importanza che il paziente da ai “reperti” è un tratto caratteristico. Mai visto un paziente con scabbia, pediculosi, pthiriasi, infestazioni da pulci, che porti un parassita o presunto tale a prova delle sue affermazioni; questi si limitano a mostrare le lesioni e descrivere i sintomi.
I pazienti con parassitofobia sono in sincera buona fede, sono realmente e fermamente convinti che quanto portano sono insetti, larve o altri parassiti. Non c’è modo di convincerli del contrario: gli faccio vedere quanto mi hanno portato al microscopio, dove è ancora più evidente di quanto già è a occhio nudo che si tratta di frammenti di stoffa, grovigli di peluria, squame cutanee, lanuggini, caccole e pasticci vari. Non ho mai ottenuto alcun risultato, restano incrollabilmente convinti della loro opinione.
Perciò è inutile che anch’io aggiunga, come già altri hanno fatto, che non si tratta di insetti o larve o parti di essi, anche se è proprio così.

_________________
:hi:
Mauro


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 10/02/2019, 14:19 
 

Iscritto il: 05/04/2014, 14:17
Messaggi: 475
Località: Casarza Ligure (Ge)
Nome: Manuela Baldari
Confermo che nel mio lavoro mi trovo parecchie volte a occuparmi del cosiddetto "delirio da parassitosi"... in reltà, proprio come dice il mio collega Mauro :ok:, nella maggioranza dei casi si tratta di un caso di partenza "dermatologica" che viene amplificato da una situzione di ansia/paura che cresce man mano che il povero paziente indaga maggiormente per trovare una soluzione al suo problema

Mi spiego meglio con un esempio pratico (faccio la summa dei tanti che mi sono capitati)

Paziente X va in vacanza al'estero oppure dorme in un albergo non pulitissimoo ancora va a casa di un amico e si sveglia con punture di insetti non meglio specificati sul corpo (potrebbero essere zanzare o acari minori o le pulci del gatto dell'amico) e COLLEGA le punture presenti sulla sua cute con la scarsa igiene della stanza o con qualsiasi altra cosa che ha a che fare con infestazioni di insetti... ovviamente LEGGE SU INTERNET e scopre le cimici dei letti o altro agente infestante che può provocare punture multiple e automaticamente ne ha il TERRORE, se le sente letteralmente addosso e arrivato a casa disinfetta qualunque cosa e pulisce ovunque (probabilmente dà anche fuoco al bagaglio), e inizia a OSSERVARE MANIACALMENTE LA PROPRIA ABITAZIONE, IL PROPRIO LETTO, I VESTITI E LA PELLE... trovando centinaia di piccole "cose" quasi invisibili a occhio umano, tutta roba intorno ai 2mm al massimo che INTERPRETA come colpevole del suo problema

in tutto ciò ovviamente ha prurito e ha delle modificazioni sulla cute e si ricopre di medicamenti vari come acaricidi, tea tree oil e chi piu' ne ha piu' ne metta, oltre a utilizzare millemila insetticidi per ambiente intossicando se stesso e i malcapitati abitanti della casa...

A questo punto inizia un peregrinaggio infinito del povero paziente tra forum, medici di base, allergologi, infettivologi...tutti che lo prendono per pazzo e nessuno chiarisce il suo problema, finchè non arriva da ME :hp:

Ora io faccio la cosa più semplice da fare: ASCOLTO attentamente il racconto del paziente, OSSERVO la cute del paziente spogliandolo e guardando con il dermatoscopio tutta la cute e le zone pilifere, dopo di che chiedo al paziente di portarmi (ma di solito arriva già con materiale accuratamente raccolto in casa proprio come diceva il collega :gh: ) quello che lui reputa derivato da insetti infestanti (larve uova o pezzi di insetto)

ed ecco che la cute mostra una dermatite irritativa, spesso una prurigo escoriata (cioè lesioni provocate dall'intenso grattamento che fondamentalmente si presentano come noduli con crosta centrale), o ancora esiti di precedenti lesioni (che potrebbero essere le punture di insetto iniziali ormai risolte) oppure una banale orticaria (i pomfi dell'orticaria sono assolutamente identici ad una puntura di zanzara in fase iniziale); il materiale portato dal paziente osservato con il mio dermatoscopio (banale ingrandimento 20X) si rivela essere per lo più materiale inorganico (pelucchi di vestiti, sassolini, polvere) o derivati di piante (frammenti di foglie per esempio) o ancora reale insetto innocuo (è capitato per esempio un moscerino spiaccicato), tutto ciò che vedo lo MOSTRO al paziente e SPIEGO tutto quello che penso, ANALIZZANDO ogni parte della storia

Alla fine della fiera nella stragrande maggioranza dei casi il problema viene risolto facendo capire al paziente che non è un pazzo che immagina insetti, ma che semplicemente la sua ansia ha ingigantito un problema reale accaduto sulla sua cute (una puntura di zanzare o una orticaria o una dermatite di altra natura) e che per risolverlo ha peggiorato le cose amplificando il problema e arrivando spesso ad una vera e propria ossessione...devo dire che spesso ottengo una risposta positiva e riesco a convincere il paziente :to:

Esistono poi i veri deliri di parassitosi ma sono un problema psichiatrico maggiore, in cui il paziente VEDE insetti sulla sua pelle, li vede uscire e spesso si infligge traumi profondi per ucciderli o farli uscire dalla cute (l'ultimo che mi è capitato era un cocainomane che si tagliava la pelle del viso scavando con un ago per far uscire quelli che in realtà erano i peli della barba sotto cute :shock: ), in quei casi ovviamente il dermatologo non basta e ci vuole lo psichiatra 8-)

Spero di essere stata utile :ok:


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 10/02/2019, 20:38 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
Ayakuccia ha scritto:
Confermo che nel mio lavoro mi trovo parecchie volte a occuparmi del cosiddetto "delirio da parassitosi"... in reltà, proprio come dice il mio collega Mauro :ok:, nella maggioranza dei casi si tratta di un caso di partenza "dermatologica" che viene amplificato da una situzione di ansia/paura che cresce man mano che il povero paziente indaga maggiormente per trovare una soluzione al suo problema

Mi spiego meglio con un esempio pratico (faccio la summa dei tanti che mi sono capitati)

Paziente X va in vacanza al'estero oppure dorme in un albergo non pulitissimoo ancora va a casa di un amico e si sveglia con punture di insetti non meglio specificati sul corpo (potrebbero essere zanzare o acari minori o le pulci del gatto dell'amico) e COLLEGA le punture presenti sulla sua cute con la scarsa igiene della stanza o con qualsiasi altra cosa che ha a che fare con infestazioni di insetti... ovviamente LEGGE SU INTERNET e scopre le cimici dei letti o altro agente infestante che può provocare punture multiple e automaticamente ne ha il TERRORE, se le sente letteralmente addosso e arrivato a casa disinfetta qualunque cosa e pulisce ovunque (probabilmente dà anche fuoco al bagaglio), e inizia a OSSERVARE MANIACALMENTE LA PROPRIA ABITAZIONE, IL PROPRIO LETTO, I VESTITI E LA PELLE... trovando centinaia di piccole "cose" quasi invisibili a occhio umano, tutta roba intorno ai 2mm al massimo che INTERPRETA come colpevole del suo problema

in tutto ciò ovviamente ha prurito e ha delle modificazioni sulla cute e si ricopre di medicamenti vari come acaricidi, tea tree oil e chi piu' ne ha piu' ne metta, oltre a utilizzare millemila insetticidi per ambiente intossicando se stesso e i malcapitati abitanti della casa...

A questo punto inizia un peregrinaggio infinito del povero paziente tra forum, medici di base, allergologi, infettivologi...tutti che lo prendono per pazzo e nessuno chiarisce il suo problema, finchè non arriva da ME :hp:

Ora io faccio la cosa più semplice da fare: ASCOLTO attentamente il racconto del paziente, OSSERVO la cute del paziente spogliandolo e guardando con il dermatoscopio tutta la cute e le zone pilifere, dopo di che chiedo al paziente di portarmi (ma di solito arriva già con materiale accuratamente raccolto in casa proprio come diceva il collega :gh: ) quello che lui reputa derivato da insetti infestanti (larve uova o pezzi di insetto)

ed ecco che la cute mostra una dermatite irritativa, spesso una prurigo escoriata (cioè lesioni provocate dall'intenso grattamento che fondamentalmente si presentano come noduli con crosta centrale), o ancora esiti di precedenti lesioni (che potrebbero essere le punture di insetto iniziali ormai risolte) oppure una banale orticaria (i pomfi dell'orticaria sono assolutamente identici ad una puntura di zanzara in fase iniziale); il materiale portato dal paziente osservato con il mio dermatoscopio (banale ingrandimento 20X) si rivela essere per lo più materiale inorganico (pelucchi di vestiti, sassolini, polvere) o derivati di piante (frammenti di foglie per esempio) o ancora reale insetto innocuo (è capitato per esempio un moscerino spiaccicato), tutto ciò che vedo lo MOSTRO al paziente e SPIEGO tutto quello che penso, ANALIZZANDO ogni parte della storia

Alla fine della fiera nella stragrande maggioranza dei casi il problema viene risolto facendo capire al paziente che non è un pazzo che immagina insetti, ma che semplicemente la sua ansia ha ingigantito un problema reale accaduto sulla sua cute (una puntura di zanzare o una orticaria o una dermatite di altra natura) e che per risolverlo ha peggiorato le cose amplificando il problema e arrivando spesso ad una vera e propria ossessione...devo dire che spesso ottengo una risposta positiva e riesco a convincere il paziente :to:

Esistono poi i veri deliri di parassitosi ma sono un problema psichiatrico maggiore, in cui il paziente VEDE insetti sulla sua pelle, li vede uscire e spesso si infligge traumi profondi per ucciderli o farli uscire dalla cute (l'ultimo che mi è capitato era un cocainomane che si tagliava la pelle del viso scavando con un ago per far uscire quelli che in realtà erano i peli della barba sotto cute :shock: ), in quei casi ovviamente il dermatologo non basta e ci vuole lo psichiatra 8-)

Spero di essere stata utile :ok:


Ringrazio vivamente sia lei che Mauro, e mentirei se dicessi che non mi riconosco in alcun modo in quello da voi scritto :) è indubbio che una serie di concause possano aver scatenato in me un effetto sia dal punto dermatologico che da quello psicologico, e per quello mi basta semplicemente tornare con il pensiero alla scorsa estate dove per una "reale" infestazione di parassiti del tarlo del legno, mi sono trovato con la media di una trentina di dolorose punture sul corpo che sembrava non dovessero guarire mai, ho passato una esperienza orribile seguito dal mio medico e un dermatologo.... risolvendo il tutto con una disinfestazione radicale rimanendo fuor di casa per due settimane mentre venivano trattati mobili e soffitto con travi a vista, inutile negare che forse come esperienza qualche segno lo ha lasciato.... Però anche in questa situazione dei segni tangibili ci sono.... come un materasso nuovo di zecca che dopo qualche mese si ritrova la lastra in memory piena di fori per non parlare dei fori trovati su parte di magliette e intimo che uso per dormire....... e mentre sulla pelle magari potrei anche essermi grattato un po' troppo, ma permettetemi di dubitarne, non penso di essere a livelli di bucare lenzuoli e vestiti apposta e senza rendermene conto.. almeno spero :)
Comunque dall'esito di una prima ispezione di una ditta specializzata seria sta prendendo sempre più corpo la possibilità dell'infestazione da tarma dei tessuiti anche se non vengono escluse altre presenze dovute probabilmente a una massiccia presenza di piccioni sul tetto
Vi ringrazio comunque per l'interesse dimostrato.
Maxnegroni


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 11/02/2019, 22:03 
Avatar utente

Iscritto il: 09/11/2010, 19:52
Messaggi: 4216
Località: Brescia
Nome: Luca Bodei
Cita:
Ringrazio vivamente sia lei che Mauro, e mentirei se dicessi che non mi riconosco in alcun modo in quello da voi scritto :) è indubbio che una serie di concause possano aver scatenato in me un effetto sia dal punto dermatologico che da quello psicologico, e per quello mi basta semplicemente tornare con il pensiero alla scorsa estate dove per una "reale" infestazione di parassiti del tarlo del legno, mi sono trovato con la media di una trentina di dolorose punture sul corpo che sembrava non dovessero guarire mai, ho passato una esperienza orribile seguito dal mio medico e un dermatologo.... risolvendo il tutto con una disinfestazione radicale rimanendo fuor di casa per due settimane mentre venivano trattati mobili e soffitto con travi a vista, inutile negare che forse come esperienza qualche segno lo ha lasciato.... Però anche in questa situazione dei segni tangibili ci sono.... come un materasso nuovo di zecca che dopo qualche mese si ritrova la lastra in memory piena di fori per non parlare dei fori trovati su parte di magliette e intimo che uso per dormire....... e mentre sulla pelle magari potrei anche essermi grattato un po' troppo, ma permettetemi di dubitarne, non penso di essere a livelli di bucare lenzuoli e vestiti apposta e senza rendermene conto.. almeno spero :)
Comunque dall'esito di una prima ispezione di una ditta specializzata seria sta prendendo sempre più corpo la possibilità dell'infestazione da tarma dei tessuiti anche se non vengono escluse altre presenze dovute probabilmente a una massiccia presenza di piccioni sul tetto
Vi ringrazio comunque per l'interesse dimostrato.
Maxnegroni



Elimina anche questo problema...i piccioni vanno anche nel sottotetto,per nidificare e i nidi pullulano di parassiti...non scarterei l'ipotesi piccione,sopratutto se in abbondanza e sentirei pure l'Asl locale... :hi:

_________________
Tc70


Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 17/02/2019, 18:04 
 

Iscritto il: 01/01/2019, 16:49
Messaggi: 14
Nome: Massimiliano Gagliardi
Salve a tutti, come diceva Glaphyrus mi è stata consigliata una fumigazione con termonebbiogeno... ma non so ancora se ho risolto qualcosa o no...... di seguito vi posto i ritrovamenti post disinfestazione e due foto simili alle tante precedentemente postate di questi granellini che però ho ritrovato su indumenti che avevo lavato a 80 gradi e asciugati in asciugatrice e riposto in buste sigillate prima della fumigazione, naturalmente ritrovati addosso, sempre in vicinanza dei fori sul tessuto, a seguito di intenso pizzicore.Per cui per precauzione imbottirò di antitarme simil naftalina le buste con gli indumenti lavati precedentemente alla disinfestazione sperando di non avere altri avvistamenti........ preferivo essermi immaginato tutto... :) :) :)


qui si possono vedere i fori che ritrovo sugli indumenti,
C.jpg

b.jpg

a.jpg

5.jpg

4.jpg

dimenticavo... lunghezza 4/5 mm
3.jpg

2.jpg

1.jpg

Top
profilo
citazione
 Oggetto del messaggio: Re: qualcuno può aiutarmi ?
MessaggioInviato: 17/02/2019, 18:26 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:28
Messaggi: 2721
Nome: Marco Uliana
L'ultima foto mostra qualcosa che si può collegare ad alcuni dei problemi che riferisci, ossia una larva di Anthrenus. Potrai trovare una grande quantità di informazioni cercando sul web e in questo forum, è una presenza comune in ambiente domestico.
Diciamo che è una specie di "mangiatutto", con preferenza per sostanze dure e secche di origine animale, inclusi peli e dunque lana.
Potrebbe dunque essere lui a produrre i buchini che trovi sui tessuti. Può anche provocare irritazioni da contatto (per via dei peli che si staccano dalle larve e dalle loro esuvie), però di solito sono fenomeni che insorgono dopo esposizioni massiccie e/o prolungate, e da quanto hai riferito non sembra questo il caso.
Intendo dire che non ci hai riferito di aver osservato una presenza importante di queste larve, che sono animali ben visibili e anche con una certa mobilità (si possono osservare muoversi sui muri, per esempio). Quindi immagino che tu non ne abbia una grande quantità in casa ma solo qualche individuo occasionale, che è cosa comune e spesso inosservata.


Top
profilo
citazione
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 14 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Puoi aprire nuovi argomenti
Puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: