Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 21/10/2018, 0:06

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

La bassura del Bardello (Ravenna)



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Pagina 3 di 3 [ 44 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 17:16 
Avatar utente

Iscritto il: 24/11/2015, 19:04
Messaggi: 782
Località: Marina Romea (RA)
Nome: Nicola Cuffiani
Si :to:

_________________
Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita... (Inferno canto I)
:hi: Nik


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 18:14 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4796
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Se è davvero lui, si tratta di un dato interessante. Magari si è adattato a svilupparsi sugli escrementi di nutria. In tal caso, tra qualche decennio potremmo essere invasi dagli Onthophagus semicornis! :to:
Nicola, questo esemplare era nei ciuffi d'erba che abbiamo lavato? In mezzo c'era una bestia rara almeno quanto l'Onthophagus semicornis.
Marco.

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 18:56 
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 23:06
Messaggi: 894
Nome: Stefano Ziani
Onthophagus semicornis non è strettamente coprofago. Il nostro amico Loris lo ha, per esempio, segnalato sotto zucche marcescenti. Esistono anche dati bibliografici di una sua presunta necrofagia, ed è stato raccolto all'interno di un vasetto di yogurt con all'interno residui del prodotto originale ed addirittura in trappole innescate con vino bianco.


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 19:23 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4796
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Creedence ha scritto:
Onthophagus semicornis non è strettamente coprofago. Il nostro amico Loris lo ha, per esempio, segnalato sotto zucche marcescenti. Esistono anche dati bibliografici di una sua presunta necrofagia, ed è stato raccolto all'interno di un vasetto di yogurt con all'interno residui del prodotto originale ed addirittura in trappole innescate con vino bianco.


Ciao Stefano. Ho letto il tuo lavoro del 2003 a proposito di questa specie in Romagna :ok: . Il fatto è che in zona di cadaveri o di frutta marcescente non ce ne sono (e ovviamente nemmeno di yogurt :D ), per questo ho ipotizzato che potesse nutrirsi di escrementi di nutria (o anche di quelli di volpe, che ho visto più volte al Bardello). Sempre che localmente non abbia costumi foleofili.

L'altra specie interessante trovata nelle radici delle graminacee, sempre per restare in tema di Scarabeoidei, è stata il Rhyssemus sulcatus. Me ne era caduto uno in trappola ad aceto la primavera scorsa e non ero riuscito più a prenderlo da allora. Insieme c'erano pure dei Pleurophorus che ho dato a Valerio Gallerati da identificare.

Marco.

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 20:34 
Avatar utente

Iscritto il: 24/11/2015, 19:04
Messaggi: 782
Località: Marina Romea (RA)
Nome: Nicola Cuffiani
Il semicornis l'ho trovato nella cacca di un cane proprio davanti alla sbarra d'ingresso :gh: .
:hi: Nik

_________________
Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita... (Inferno canto I)
:hi: Nik


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 21:06 
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 23:06
Messaggi: 894
Nome: Stefano Ziani
Il classico assioma dei coprofagi: si possono raccogliere specie più interessanti in cacche isolate, trovate per caso ed in zone non popolate da grossi mammiferi, piuttosto che in pascoli pieni di sterco. E’ chiaro che numericamente non c’è partita, ma come qualità di bestie, vincono le prime.
Comunque, Nicolino, l’Onthophagus semicornis è sempre una bella bestia per niente facile da trovare, congratulazioni.
Per quanto riguarda gli Psammodini, Marco, hai fatto bene a darli in studio a Valerio Gallerati: tempo fa mi ha giurato che si sarebbe dato anima e cuore proprio agli Psammodius, ai Rhyssemus e similari. E di uno specialista di questi gruppi ce ne sarebbe veramente bisogno in Italia.


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 21:53 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4796
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Creedence ha scritto:
Per quanto riguarda gli Psammodini, Marco, hai fatto bene a darli in studio a Valerio Gallerati: tempo fa mi ha giurato che si sarebbe dato anima e cuore proprio agli Psammodius, ai Rhyssemus e similari. E di uno specialista di questi gruppi ce ne sarebbe veramente bisogno in Italia.


Valerio mi è parso davvero preparato in questo gruppo. Abbiamo anche fatto qualche caccia insieme in zone costiere emiliane e sarde, durante le quali mi ha insegnato il sistema del lavaggio della sabbia, anche se abbiamo visto poca roba. In compenso, in Sardegna, li ha trovati la sera mentre svolazzavano. Quella stessa notte, andando in giro con la torcia, ha anche trovato per terra dei resti di Elaphocera e di Melolontha sardiniensis :shock: .

Marco.

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 01/10/2017, 22:07 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2010, 11:51
Messaggi: 3823
Località: Messina - Motta Sant'Anastasia (CT)
Nome: Giovanni Altadonna
Creedence ha scritto:
Il classico assioma dei coprofagi: si possono raccogliere specie più interessanti in cacche isolate, trovate per caso ed in zone non popolate da grossi mammiferi, piuttosto che in pascoli pieni di sterco. E’ chiaro che numericamente non c’è partita, ma come qualità di bestie, vincono le prime.


Così infatti ho trovato, ormai cinque anni fa, i miei unici esemplari di Onthophagus ruficapillus e Onthophagus andalusicus: due della prima specie e uno della seconda in sterco di cane, insieme al ben più comune Onthophagus taurus.

_________________
"L' uomo che è cieco alle bellezze della natura ha perduto metà del piacere di vivere"
Sir Robert Baden Powell

Giovanni Altadonna


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 02/10/2017, 15:37 
Avatar utente

Iscritto il: 21/02/2011, 15:25
Messaggi: 3611
Località: Montecchio Emilia (RE)
Nome: Violi Michele
Qualche hanno fa ho lasciato in loco dei piattini gialli per molto tempo, così col caldo e qualche pioggia gli insetti erano che arrivati sono marciti attirando Trox, Carabidi e qualche decina di Onthophagus... vuoi mai che ci sia in mezzo qualche O. semicornis :roll: Da cosa si distingue dagli altri Onthophagus piccoli e scuri?

_________________
Michele :D


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 02/10/2017, 18:50 
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 23:06
Messaggi: 894
Nome: Stefano Ziani
Dagli Onthophagus piccoli e neri del gruppo ovatus (in Italia O. grossepunctatus, O. ruficapillus, O. joannae, O. ovatus e O. baraudi), il nostro si distingue per avere i lati del pronoto leggermente sinuati anteriormente. Dall’O. furcatus, altro piccolo e nero presente in Italia, il semicornis si distingue per avere il pronoto anteriormente con 3 gibbosità (quella mediana allargata). Infine si distingue dagli Onthophagus del sottogenere Parentius (in Italia, forse, probabilmente no, solo O. punctatus) per avere la punteggiatura del pronoto rasposa, laddove è semplice nei Parentius.
Sembra difficile, ma in realtà O. semicornis si distingue a prima vista!


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 02/10/2017, 19:04 
Avatar utente

Iscritto il: 21/02/2011, 15:25
Messaggi: 3611
Località: Montecchio Emilia (RE)
Nome: Violi Michele
Capito, grazie Stefano! Vi farò sapere :mrgreen:

_________________
Michele :D


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 29/10/2017, 9:17 
Avatar utente

Iscritto il: 24/11/2015, 19:04
Messaggi: 782
Località: Marina Romea (RA)
Nome: Nicola Cuffiani
Ecco a voi le specie di Dytiscidi prese da me nel corso delle mie caccie.
:hi:Nik


forse un Agabus nebulosus?
agabus boh.jpg

un piccolo dytiscide trovato in una piccola ma profonda pozza, presi 5/6 esemplari
dyti piccolino.jpg

Hydaticus leander, rinvenibile senza tanti problemi.
hydaticus leander 2.jpg

visione laterale
hydaticus leander.jpg

Eretes stictus, abbondante
eretes.jpg

esemplare teratologico
eretes teratologico.jpg

Un altro Agabus nebulosus?
agabus nebulosus forse.jpg

Un altro piccolo dytiscide non identificato preso in aprile, esemplare unico
dytiscidino 2.jpg

Elitra di Hydaticus grammicus, abbastanza raro, Marco mi pare che ne abbia presi una coppia insieme a qualche (1 o 2 o 3 non ricordo) Hydaticus transversalis transversalis
elitra h grammatus.jpg

Colymbetes fuscus, abbastanza presente
colymbetes fuscus.jpg


_________________
Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita... (Inferno canto I)
:hi: Nik
Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 29/10/2017, 9:34 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 4796
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Ciao Nicola. Ti ha contattato Nando? Dice che Hydaticus leander è nuovo per la Romagna ed ha preparato una segnalazione.
Marco.

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: La bassura del Bardello (Ravenna)
MessaggioInviato: 30/10/2017, 14:03 
Avatar utente

Iscritto il: 24/11/2015, 19:04
Messaggi: 782
Località: Marina Romea (RA)
Nome: Nicola Cuffiani
No, Nando non mi ha ancora contattato. E dire che è comunissimo anche in piccolissime pozze d'acqua anche nei campi di Casal Borsetti :o , anche più comune dei Rhantus suturalis :shock:
:hi: Nik

_________________
Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita... (Inferno canto I)
:hi: Nik


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Pagina 3 di 3 [ 44 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: