Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 20/10/2020, 10:30

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Latipalpis (Latipalpis) plana plana (A. G. Olivier, 1790) Dettagli della specie

12.XII.2016 - ITALIA - Toscana - GR, Cala Martina


nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 12 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 12/12/2016, 23:16 
 

Iscritto il: 17/05/2014, 20:49
Messaggi: 343
Località: Firenze
Nome: Daniele Totis
E' lei ? in cella pupale su Quercus ilex, credo ! 3 exx. da 14 a 17 mm.
Grazie.


Assistente Ridimensionamento-1.jpg

Top
profilo
MessaggioInviato: 12/12/2016, 23:17 
Avatar utente

Iscritto il: 22/12/2009, 13:31
Messaggi: 9445
Località: Napoli
Nome: Francesco Izzillo
:ok:

_________________
Francesco Izzillo


Top
profilo
MessaggioInviato: 12/12/2016, 23:32 
 

Iscritto il: 17/05/2014, 20:49
Messaggi: 343
Località: Firenze
Nome: Daniele Totis
Grazie ! E' veramente superba !!!

:hi:


Top
profilo
MessaggioInviato: 12/12/2016, 23:51 
Avatar utente

Iscritto il: 22/12/2009, 13:31
Messaggi: 9445
Località: Napoli
Nome: Francesco Izzillo
skip ha scritto:
Grazie ! E' veramente superba !!!

:hi:

Vero..., è una specie molto bella! :hi:

_________________
Francesco Izzillo


Top
profilo
MessaggioInviato: 13/12/2016, 16:09 
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2012, 14:35
Messaggi: 5204
Località: Alfonsine (RA)
Nome: Marco Villani
Bel colpo! :shock:

_________________
La natura non conosce pause nel progresso e nello sviluppo, ed attacca la sua maledizione su tutta l'inattività.” [GOETHE]


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 18:51 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6524
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
marco villa ha scritto:
Bel colpo! :shock:


Fa parte di quelle molte specie che non sono presenti a nord degli appennini, ma che già in Toscana nelle località dove ci sono si trovano frequentemente. Altri esempi sono Kisanthobia ariasi, Calcophora, Deroplia, Niphona, Pseudosphegesthes.

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 18:53 
Avatar utente

Iscritto il: 10/05/2010, 22:31
Messaggi: 4050
Località: Follonica (GR)
Nome: marco bastianini
Plagionotus ha scritto:
Altri esempi sono Kisanthobia ariasi, Calcophora, Deroplia, Niphona, Pseudosphegesthes.

Ehi, ehi... non mi screditare troppo le mie bestioline, altrimenti io come faccio a fare scambi proficui. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

_________________
:to: Marco


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 19:33 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6524
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
Eh beh...ho detto che si trovano bene lì, non dappertutto :D . Il segreto degli scambi è proprio che certe bestie magari si trovano senza grosse difficoltà, ma solo in alcuni luoghi. Un inglese certo non potrà venire in Toscana quando vuole come possiamo magari fare noi emiliani...e quello che ho detto forse non lo sa :gh: .

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 22:08 
Avatar utente

Iscritto il: 06/11/2011, 23:59
Messaggi: 1119
Località: Casola Valsenio
Nome: Carlo Arrigo Casadio
Plagionotus ha scritto:
marco villa ha scritto:
Bel colpo! :shock:


Fa parte di quelle molte specie che non sono presenti a nord degli appennini, ma che già in Toscana nelle località dove ci sono si trovano frequentemente. Altri esempi sono Kisanthobia ariasi, Calcophora, Deroplia, Niphona, Pseudosphegesthes.


In realtà ne ho trovata una piccola popolazione nelle colline sopra Imola, al confine tra la provincia di Bologna e Ravenna; per ora mi è nato un solo esemplare, ma facendo legna ho osservato diverse larve (purtroppo tutte irrimediabilmente danneggiate) e parecchi fori d'uscita.
Sono tre anni che raccolgo legna con segni di attacco di Latipalpis, spero mi nascano presto altri esemplari.
Resta da capire come siano arrivate fino a li, sto ipotizzando un'introduzione accidentale attraverso piante ornamentali (Lecci e forse anche altre Querce) provenienti dai vivai toscani.

_________________
Carlo Arrigo

"Solo un entomologo può capire il piacere da me provato nel cacciare per ore in qua e in là, sotto il sole cocente, tra i rami e i ramoscelli e la corteccia degli alberi caduti"
Alfred Russel Wallace


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 22:51 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31490
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Carlo A. ha scritto:
In realtà ne ho trovata una piccola popolazione nelle colline sopra Imola, al confine tra la provincia di Bologna e Ravenna; per ora mi è nato un solo esemplare, ma facendo legna ho osservato diverse larve (purtroppo tutte irrimediabilmente danneggiate) e parecchi fori d'uscita.
Sono tre anni che raccolgo legna con segni di attacco di Latipalpis, spero mi nascano presto altri esemplari.
Resta da capire come siano arrivate fino a li, sto ipotizzando un'introduzione accidentale attraverso piante ornamentali (Lecci e forse anche altre Querce) provenienti dai vivai toscani.

Ho ben presente il tuo ritrovamento, e credo anche io che sia una importazione recente col legname (o forse una espansione recente naturale dell'areale). Del resto, se non sbaglio era l'ipotesi che avevo fatto anche in occasione del tuo ritrovamento.
E' probabile che fra un po' ritroveremo questa specie anche in altre località emiliane o romagnole, magari nei punti a clima più mite (comprese le querce nei viali cittadini).
Se vuoi provare a trovare altri adulti, cerca di andare adesso a prendere legna. Gli adulti svernano in celletta, ed il modo più semplice per trovarli è spaccare i rami per lungo.

Plagionotus ha scritto:
Fa parte di quelle molte specie che non sono presenti a nord degli appennini, ma che già in Toscana nelle località dove ci sono si trovano frequentemente. Altri esempi sono Kisanthobia ariasi, Calcophora, Deroplia, Niphona, Pseudosphegesthes.

La Latipalpis è effettivamente molto comune un po' lungo tutta la fascia costiera, ed alcune zone di pianura e collina dell'entroterra, sia della Toscana che del Lazio, e presumo anche in Sardegna. Però questo non vuol dire che si trovi facilmente. Non sai quanti entomologi anche di Roma non ne hanno mai vista una! Gli adulti sono normalmente acrodendrici, per cui, se li cerchi quando sono in attività, in genere, salvo esemplari che per caso scendono in basso a deporre o sul fogliame più basso, o che cascano a terra, non li trovi proprio o, se li trovi, li vedi volare in alto senza poterli raggiungere. In compenso si trovano facilmente spaccando i legni, sempre se sai quali e quando. Ogni tanto finiscono pure in trappola (le classiche trappole sugli alberi col vino), probabilmente cadendoci per caso mentre svolazzano tra il fogliame.

Delle altre specie, sicuramente Kisanthobia ariasi non si può dire che si trovi frequentemente, anzi, è decisamente rara e molto localizzata, per quanto ne sappiamo, anche se, se capita il ramo infestato, può capitare che ne escano a decine. Tra l'altro, chi dice che non possa essere anche a Nord dell'Appennino e semplicemente non sia mai stata trovata? Vive pure in Europa centrale!

Pure per Pseudosphegesthes non parlerei di specie frequente, bensì di specie piuttosto localizzata ed anche questa non facile da trovare. Anche se, con gli allevamenti, se becchi i rami giusti se ne possono ottenere tante.

Per la Deroplia non so. Mai trovata nel Lazio o in Toscana.

La Niphona è effettivamente una bestia onnipresente, ovunque ci sia Spartium junceum. Si trova praticamente tutto l'anno, dentro o sopra la pianta ospite.

In quanto alle Chalcophora, parlando di massiliensis, unica specie dell'Italia centrale (a parte la detrita, estremamente localizzata in Toscana e Campania e verosimilmente importata anticamente dal Mediterraneo orientale), è effettivamente comune in diverse località costiere e alcune delle zone basse interne di Lazio, Toscana, Liguria; però recentemente è stata trovata anche molto vicino allo spartiacque appenninico da Carlo, Carlo e Valerio, per cui non mi meraviglierei di vederne presto qualche esemplare emiliano.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 14/12/2016, 23:01 
Avatar utente

Iscritto il: 06/11/2011, 23:59
Messaggi: 1119
Località: Casola Valsenio
Nome: Carlo Arrigo Casadio
Julodis ha scritto:
Se vuoi provare a trovare altri adulti, cerca di andare adesso a prendere legna. Gli adulti svernano in celletta, ed il modo più semplice per trovarli è spaccare i rami per lungo.

Le volte che ho provato questa tecnica ho sempre compromesso delle larve, senza mai trovare adulti..........magari ritento e sarò più fortunato :sick:

_________________
Carlo Arrigo

"Solo un entomologo può capire il piacere da me provato nel cacciare per ore in qua e in là, sotto il sole cocente, tra i rami e i ramoscelli e la corteccia degli alberi caduti"
Alfred Russel Wallace


Top
profilo
MessaggioInviato: 15/12/2016, 0:45 
Avatar utente

Iscritto il: 21/05/2009, 14:59
Messaggi: 6524
Località: Casinalbo (MO)
Nome: Riccardo Poloni
Sì, Maurizio, quello che intendevo dire era che alcune specie che sono poco frequenti o assenti a nord degli appennini diventano improvvisamente presenti in più località a sud degli appennini, e magari anche comuni.
Poi è chiaro che alcune stazioni possono essere presenti (anche recenti, visto l'andamento del clima) anche a nord degli appennini. è il caso, per esempio, di Deroplia, presente anche in centro Europa in reperti storici o anche recenti (vedi quello di Livio nel bresciano di due anni fa), o anche di Pseudosphegesthes, presente alla Mesola. La mia era una valutazione generale, naturalmente le eccezioni esistono ma non invalidano un principio generale.
Per quanto riguarda lo Pseudosphegesthes in realtà non direi che si tratti di un insetto così localizzato e raro, probabilmente fa parte di quelle bestie che allevando di più e con un po' più di attenzione da parte degli entomologi diventerebbe molto più frequentemente ritrovata di adesso.

_________________
Riccardo Poloni
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...
Negrita, Rotolando verso sud


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 12 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: