Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 29/09/2020, 3:50

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

provocazione



nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2 [ 24 messaggi ]
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 23/01/2020, 17:56 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:31
Messaggi: 8925
Località: milano
Nome: maurizio pavesi
gabrif ha scritto:
Cita:
Se Fabricius nel 1777 ha deciso di chiamare la sua specie Buprestis rutilans, perché cambiarne il nome provocando interpretazioni varie tra gli AA che lo hanno seguito, chiamandola Lampra o Dedrochariessa o Poecilonota o Palmar o Castalia o Lamprodila ecc.?

Tenere Buprestis per una Lamprodila in nome della continuità potrebbe sembrare il male minore. Ma attenzione: ci sono generi antichi, come Cantharis o Dermestes per restare tra i Coleotteri, in cui sono state accozzate specie adesso inquadrate in gruppi lontanissimi fra loro. Chiamare Dermestes un Dasytes o Lagria un Dolichosoma mi suonerebbe davvero troppo strano...

se è per quello, nelle descrizioni antiche c'è pure di peggio, l'anticide Anthelephila pedestris è stato descritto come Carabus, il tenebrionide Phaleria bimaculata come Dytiscus...

_________________
*****************
Immagine maurizio


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 23/01/2020, 21:39 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:44
Messaggi: 2308
Località: Garbagnate Milanese
Nome: Augusto Franzini
Pensate come sono primitivo :lol1: io che per quel Carabus pedestris preferivo il genere Formicomus, che in fondo :oops: ricordava qualcosa, piuttosto che Anthelephila... :no1: :no1: :no1:
:hi:

_________________
Augusto (aug)
Prediction is very difficult, especially about the future (Niels Bohr, fisico)


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 24/01/2020, 19:46 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31487
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Autarcontes ha scritto:
ma anche teriologi (chi non conosce gli intrecci -eufemismo per non nominare la parola casino-che coinvolgono gli anfibi?)

Hai fatto anche tu un cambio nomenclatoriale?

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 25/01/2020, 11:54 
Avatar utente

Iscritto il: 19/04/2012, 7:52
Messaggi: 976
Nome: Gianfranco Curletti
Julodis ha scritto:
Autarcontes ha scritto:
ma anche teriologi (chi non conosce gli intrecci -eufemismo per non nominare la parola casino-che coinvolgono gli anfibi?)

Hai fatto anche tu un cambio nomenclatoriale?


:no1: :lol: Scusa, certe mine arrivano così, quando meno te le aspetti e scrivi certe cose senza pensarci. Se non me lo facevi notare manco me ne sarei accorto.

Tornando alla discussione, che vedo che ha interessato parecchi amici che hanno espresso validi punti di vista, segno che l'argomento brucia a molti.
Dico anche la mia, dato che prima non mi ero pronunciato.
L'uso di un binomio fisso, pur se allettante, finirebbe per imporre un trinomio o un quadrinomio, indispensabile per raggruppare in una categoria "comprensibile" i taxa attribuiti all'origine a generi diversi, spostando a monte il problema e ingombrando eccessivamente la bibliografia. Per questo condivido l'opinione di Marco e tutto sommato penso che la situazione attuale sia quella più accettabile.
Gian


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 25/01/2020, 12:57 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 23:30
Messaggi: 6779
Località: Capaci (Pa)
Nome: Marcello Romano
Solo una considerazione, scherzosa, ma non troppo.
Le parentesi tonde che racchiudono l'Autore della specie, ci informano sì sul fatto che il binomio originale era diverso da quello attuale, ma non ci dicono nulla su quale fosse e dobbiamo perciò ricavarlo, se non lo sappiamo già, attraverso una nostra ricerca bibliografica. Poco male, direte.
Ma mettiamoci nei panni di un forestale o comunque di un "non strettamente addetto ai lavori" (e questo vale ovviamente non solo per gli insetti) che stia facendo una ricerca sui coleotteri che attaccano il tiglio e si ritrovi, fra gli altri, una Lamprodila rutilans (Fabricius, 1777), una Ovalisia rutilans (Fabricius, 1777), una Palmar rutilans (Fabricius, 1777) e infine una Scintillatrix rutilans (Fabricius, 1777) (tutti binomi che ho trovato facendo una ricerca su google limitata ai lavori scientifici e agli ultimi anni). Potrebbe pure pensare di trovarsi di fronte a quattro specie diverse e che nel 1777 Fabricius si fosse fissato con questo nome specifico e lo appioppasse a tutto quello che descriveva :D , oppure mettersi a cercare nella bibliografia specializzata, non senza fatica, per risalire all'origine comune.
Quanto sarebbe più semplice se la specie, a segnalare chiaramente che di una sola specie si tratta, indipendentemente dal binomio attuale "in voga" fosse indicata così in tutti i lavori (faccio l'esempio con Lamprodila, ma vale ovviamente per tutte e quattro): Lamprodila rutilans Fabricius, 1777 (Buprestis)

_________________
:hi: Marcello Romano


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 25/01/2020, 14:05 
Avatar utente

Iscritto il: 17/02/2009, 0:05
Messaggi: 8466
Località: Isola d'Elba - Arcipelago Toscano
Nome: Leonardo Forbicioni
Ciao Marcello! :lov2:
Al Forestale rimarrebbero sempre e comunque dubbi su Ovalisia, Palmar e Scintillatrix ! :lol: :lol:

Comunque è una proposta interessante...come interessante è l'argomento e la discussione! :lov2:

_________________
"Stay hungry, stay foolish".
Steve Jobs, 2005
___________________
jjuniper8(at)gmail.com
Twitter: @weevil_forbix
cell. 339/5275910
___________________


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 25/01/2020, 14:32 
Avatar utente

Iscritto il: 22/12/2009, 13:31
Messaggi: 9431
Località: Napoli
Nome: Francesco Izzillo
E' esattamente quello che fa il catalogo mondiale di L. & L. che segnala per ogni specie il genere usato dall'autore nella descrzione originale.

_________________
Francesco Izzillo


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 25/01/2020, 23:32 
Avatar utente

Iscritto il: 19/04/2012, 7:52
Messaggi: 976
Nome: Gianfranco Curletti
Marcello
e come darti torto. E' una giusta ossrvazione ed è una delle ragioni sostenute dai fautori della binonimia originale. A questo punto a volerla attuare, si arriverebbe appunto a una trinonimia che potrebbe realizzarsi ad es. in questo modo: Lamprodila Buprestis rutilans Linnaeus 1777 oppure Lamprodila rutilans (Buprestis) Linnaeus, 1777 così come si faceva in un passato non troppo remoto e come qualcuno usa ancora ponendo però il nome del genere originario dopo l'autore e l'anno, così come proponi tu. Oppure giocando sui neretti e sui corsivi. Ad es. : Lamprodila Buprestis rutilans oppure Lamprodila Buprestis rutilans
Gian


Top
profilo
 Oggetto del messaggio: Re: provocazione
MessaggioInviato: 26/01/2020, 20:55 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31487
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Un po come fanno i botanici, solo che loro lo fanno col nome dell'autore originale e quello dell'ultimo, ad esempio:

Quercus petraea (Mattuschka) Liebl.

In compenso, per trovare l'anno di descrizione di una pianta bisogna diventare matti.


Mia opinione personale: meglio come stanno le cose adesso.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Vai alla pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2 [ 24 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: