Benvenuto Ospite | Iscriviti

Forum Entomologi Italiani

www.entomologiitaliani.net/forum
 
Oggi è 20/10/2019, 17:06

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Onthophagus (Palaeonthophagus) vacca (Linnaeus, 1767) - Scarabaeidae - Sardegna



nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ]
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 04/03/2010, 1:12 
Avatar utente

Iscritto il: 22/05/2009, 21:00
Messaggi: 2058
Località: Pergine Valsugana (TN)
Nome: Andrea Carlin
:hi: Chiedo conferma su questo Onthophagus: è il "vacca"?

Grazie mille in anticipo. :hi:

SARDEGNA - Tertenia (NU) 09.VI.2009
lunghezza: 7,4 mm


Onthophagus vacca sardegna.jpg


_________________
Andrea Carlin, Pergine Valsugana (TN) a.carlin(AT)inwind.it

Nota: tutti gli esemplari inseriti nelle discussioni sono da ritenere "Andrea Carlin legit" se non diversamente specificato.
Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 1:32 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31254
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Ehi! Direi che questa foto è venuta particolarmente bene! Che tipo di obiettivo usi?

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 10:28 
Avatar utente

Iscritto il: 10/05/2009, 15:30
Messaggi: 6257
Località: Ancona
Nome: Giacomo Giovagnoli
La curvatura laterale del pronoto è uniforme fino ai bordi anteriori del pronoto: possiamo accendere O. vacca! :ok:
(Almeno credo!!! :oops: )

Ciao :)

_________________
Immagine Giacomo


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 10:54 
Avatar utente

Iscritto il: 22/05/2009, 21:00
Messaggi: 2058
Località: Pergine Valsugana (TN)
Nome: Andrea Carlin
Grazie Giacomo! :hp: :hp: :hp:
Maurizio: grazie dei complimenti (per la foto): quando ho un po' di tempo "mi applico"! :lol: :lol: :lol:

Per questa foto ho utilizzato:
Nikon micro AF 105mm mi sembra f2,8 (non l'ultimo nato...) montato su soffietto chiuso al massimo (in pratica fa da anello distanziatore) del quale utilizzo la slitta per la messa a fuoco. Poi eseguo più scatti possibili sfocando di volta in volta dall' alto (dorso) verso il basso (tarsi). Infine Combine ZM....
Ma i fattori importanti, secondo me, sono:
1. la luce (illuminare soffusamente con l'ausilio di bicchieri bianchi, coni di carta, ecc... attorno all'esemplare; vedasi sezione tecniche e metodologie).
2. combinazione diaframma/tempi/ISO (non scendere troppo con i tempi ma nemmeno esagerare con l'impostazione ISO, mantenendo un diaframma più chiuso possibile, solitamente non sotto a f8).
3. il blocco formato da corpo macchina/soffietto/obiettivo deve essere, il più solidamente possibile, ben fermo utilizzando un treppiede idoneo o uno stativo (da stereoscopio o da ingranditore fotografico).

:hi: :hi: :hi: :hi:

_________________
Andrea Carlin, Pergine Valsugana (TN) a.carlin(AT)inwind.it

Nota: tutti gli esemplari inseriti nelle discussioni sono da ritenere "Andrea Carlin legit" se non diversamente specificato.


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 11:12 
Avatar utente

Iscritto il: 02/10/2009, 17:40
Messaggi: 631
Località: Osimo
Nome: Alberto Strocchi
Per la distribuzione in Sardegna, non ho esemplari di questa regione ma qualcuno di Corsica per cui penso sia tutto regolare.
È un O. vacca femmina (manca il cornetto lamellare al verice ed è presente la carena frontale, che nel maschio manca)
Saluti e complimenti per la foto ... e per l'attrezzatura! (Ti piace vincere facile eeehhh???)
Alberto


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 11:34 
Avatar utente

Iscritto il: 05/02/2009, 17:47
Messaggi: 7151
Località: Cagliari
Nome: Piero Leo
dorbodervus ha scritto:
Per la distribuzione in Sardegna, non ho esemplari di questa regione ma qualcuno di Corsica per cui penso sia tutto regolare.
Onthophagus vacca in Sardegna è comune ovunque, dal livello del mare alla montagna, sebbene in genere con popolazioni meno numerose rispetto a O. opacicollis.
Le altre specie presenti sicuramente in Sardegna sono: O. ruficapillus e O. taurus.
Inoltre ci sono citazioni anche per le seguenti: O. furcatus, O. coenobita, O. fracticornis, O. verticicornis, nonché Euonthophagus amyntas. Qualcuno le ha mai viste di Sardegna? Secondo me non ci sono.
:) Ciao
Piero


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 14:54 
Avatar utente

Iscritto il: 22/05/2009, 21:00
Messaggi: 2058
Località: Pergine Valsugana (TN)
Nome: Andrea Carlin
:hi: Inserisco un'altra immagine di un'altro esemplare femmina raccolto assieme a quello postato per evidenziarne la variabilità specifica.
La lunghezza di questo è di 8,5 mm

P.S: a chiarimento di quello che ho scritto nell'intervento precedente: l'obiettivo Nikon micro AF 105 è vecchiotto e infatti con il termine "non l'ultimo nato..." intendevo dire modello vecchio anche se, come probabilmente è stato interpretato, non è comunque l'ultimo arrivato....

:hi: :hi: :hi:


Onthophagus vacca sardegna.jpg


_________________
Andrea Carlin, Pergine Valsugana (TN) a.carlin(AT)inwind.it

Nota: tutti gli esemplari inseriti nelle discussioni sono da ritenere "Andrea Carlin legit" se non diversamente specificato.
Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 15:16 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31254
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Andrea Pergine ha scritto:
Grazie Giacomo! :hp: :hp: :hp:
Maurizio: grazie dei complimenti (per la foto): quando ho un po' di tempo "mi applico"! :lol: :lol: :lol:

Per questa foto ho utilizzato:
Nikon micro AF 105mm mi sembra f2,8 (non l'ultimo nato...) montato su soffietto chiuso al massimo (in pratica fa da anello distanziatore) del quale utilizzo la slitta per la messa a fuoco. Poi eseguo più scatti possibili sfocando di volta in volta dall' alto (dorso) verso il basso (tarsi). Infine Combine ZM....
Ma i fattori importanti, secondo me, sono:
1. la luce (illuminare soffusamente con l'ausilio di bicchieri bianchi, coni di carta, ecc... attorno all'esemplare; vedasi sezione tecniche e metodologie).
2. combinazione diaframma/tempi/ISO (non scendere troppo con i tempi ma nemmeno esagerare con l'impostazione ISO, mantenendo un diaframma più chiuso possibile, solitamente non sotto a f8).
3. il blocco formato da corpo macchina/soffietto/obiettivo deve essere, il più solidamente possibile, ben fermo utilizzando un treppiede idoneo o uno stativo (da stereoscopio o da ingranditore fotografico).

:hi: :hi: :hi: :hi:

Una attrezzatura nel complesso normale, quindi. Io ho un parente stretto del tuo micro 105, ma della generazione ancora più vecchia: un Nikkor Micro 55/2,8 (del periodo in cui non esisteva ancora il sistema autofocus. Per la normale macro, intorno a 1:1 va benissimo, anche se non lo uso quasi mai (preferisco usare un Nikon 75/4 da ingranditore, molto più piccolo e leggero e con geometria dell'ottica diversa, che funziona bene fino a 5:1 - 6:1). Per l'illuminazione uso vari sistemi, alcuni come i tuoi, a seconda di cosa devo fotografare. Uso sempre 100 ISO, mai sensibilità più alte. Aumentando il fattore ingrandimento bisogna aprire sempre più il diaframma, non per poter usare tempi più brevi, ma per evitare il fenomeno della diffrazione (il raggio di luce che passa attraverso un foro molto piccolo non ne esce come singolo fascio parallelo, ma allargato a cono, quindi si perde definizione nell'immagine. In pratica, più si chiude il diaframma, più si perdono i dettagli). In linea di massima, oltre 2:1 - 3:1 conviene usare diaframmi molto aperti, e comunque non chiudere oltre 5,6 o 8.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 16:18 
Avatar utente

Iscritto il: 22/05/2009, 21:00
Messaggi: 2058
Località: Pergine Valsugana (TN)
Nome: Andrea Carlin
:birra: Penso siano ottimi gli obiettivi da ingranditore, più corti e più leggeri: io però non ho mai avuto l'occasione di provarli......(per ora!)
Per queste foto "da studio" non uso l'autofocus ma metto a fuoco con la slitta del soffietto. Anche in natura a volte l'autofocus può non servire.... ovvio, con le nuove tecnologie è tutt'altra cosa (mi riferisco alla tecnologia degli autofocus moderni e del sistema antivibrazioni).

:hi: :hi: :hi:

_________________
Andrea Carlin, Pergine Valsugana (TN) a.carlin(AT)inwind.it

Nota: tutti gli esemplari inseriti nelle discussioni sono da ritenere "Andrea Carlin legit" se non diversamente specificato.


Top
profilo
MessaggioInviato: 04/03/2010, 17:15 
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:20
Messaggi: 31254
Località: Roma
Nome: Maurizio Gigli
Andrea Pergine ha scritto:
:birra: Penso siano ottimi gli obiettivi da ingranditore, più corti e più leggeri: io però non ho mai avuto l'occasione di provarli......(per ora!)
Per queste foto "da studio" non uso l'autofocus ma metto a fuoco con la slitta del soffietto. Anche in natura a volte l'autofocus può non servire.... ovvio, con le nuove tecnologie è tutt'altra cosa (mi riferisco alla tecnologia degli autofocus moderni e del sistema antivibrazioni).

:hi: :hi: :hi:

Quando fotografi sullo stativo, comunque l'autofocus non serve a niente. E' invece utilissimo nelle foto fatte sul campo, perchè ti permette di risparmiare un po' di tempo e concentrarti su altri aspetti della foto.

_________________
Maurizio Gigli
http://utenti.romascuola.net/bups
http://bup.xoom.it/


Top
profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
nuovo argomento
rispondi
Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: